18 CONDIVISIONI

Perché a Berlino scattarsi un selfie è considerato imbarazzante

A Berlino c’è scarsa tolleranza per i selfie. Perché nella capitale tedesca farsi le foto, tra amici e non solo, e condividerle sui social è una cosa davvero insolita.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Arianna Colzi
18 CONDIVISIONI
Immagine

Fare i selfie a Berlino è una cosa da non fare. Inserita tra le città da visitare in questo 2024, la capitale tedesca è nota per la sua brulicante vita sociale ma anche per la sua privacy. Se il turismo sta cambiando sempre di più i volti delle nostre città, alcuni luoghi sono poco disposti a introiettare abitudine tipiche dei turisti o comunque molto in voga in altri Paesi in giro per il mondo. Ecco perché i berlinesi non amano scattarsi le foto.

A Berlino si fanno pochi selfie

Come ha scritto Kate Bettes per BBC Travel, a Berlino manca l'abitudine di farsi i selfie. I tedeschi sono una popolazione piuttosto schiva e restia a condividere informazione su di sé: in generale, sono molto amanti della loro privacy. Secondo una ricerca dell'Università di Hohenheim, solo il 7% dei giovani trova che farsi un selfie e postarlo sui social sia utile. Ma perché i tedeschi sono così diffidenti riguardo quelli che una volta si sarebbero chiamati autoscatti?

La Porta di Brandeburgo a Berlino
La Porta di Brandeburgo a Berlino

La risposta non è così semplice. In primis, lo studio guidato dal professor Philipp Masur pensa che la scarsa tendenza a farsi i selfie dipenda da un fattore culturale. La Germania, soprattutto quella dell'Est, ha vissuto fino al 1989 sotto un rigido controllo da parte delle autorità sovietiche e, probabilmente, un retaggio di tutela della privacy e della propria è presente ancora oggi. Un'altra motivazione dietro alla cultura "no-selfie" potrebbe avere le sue radici nella cultura dei club, molto radicata a Berlino: i locali più conosciuti e rinomati, anche al di fuori della città, incoraggiano i propri fruitori a non usare il telefono per godersi meglio l'esperienza e sono poco presenti sui social. In molti club, come il Sisyphos e il celebre Berghain, c'è proprio il divieto di scattare foto all'interno. Un invito a una sorta di detox digitale che si estende anche in diversi luoghi pubblici, come la piscina Badeschiff.

Memoriale per gli ebrei assassinati d'Europa
Memoriale per gli ebrei assassinati d'Europa

Il cattivo rapporto dei cittadini di Berlino con i selfie deriva anche da un atteggiamento poco appropriato dei turisti. Basti pensare al Memoriale per gli ebrei assassinati d'Europa nel quartiere Mitte. Da decenni ormai i centinaia di turisti che lo visitano ogni giorno hanno la pessima abitudine di scattare selfie tra le stele commemorative. Un gesto davvero indelicato, considerando il valore simbolico e commemorativo del monumento. Insomma, tra fattori storici e socioculturali scattarsi un selfie a Berlino, anche tra amici, non è ben visto, anzi viene quasi considerato imbarazzante.

18 CONDIVISIONI
Chi ha inventato i selfie? Secondo Paris Hilton sono state lei e Britney 15 anni fa
Chi ha inventato i selfie? Secondo Paris Hilton sono state lei e Britney 15 anni fa
Arrivano gli aerei con i bar self-service: i passeggeri possono alzarsi e servirsi da soli
Arrivano gli aerei con i bar self-service: i passeggeri possono alzarsi e servirsi da soli
Dov'è stato girato "Berlino": le location della serie spin off de "La Casa di Carta"
Dov'è stato girato "Berlino": le location della serie spin off de "La Casa di Carta"
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni