Il Coronavirus ha stoppato tutte le attività tennistiche e cambia anche il destino del Roland Garros. Il prestigioso torneo parigino, cronologicamente seconda prova del Grande Slam, appuntamento classico che si svolge tra la fine di maggio e la prima parte di giugno, è costretto a cambiare data. Il torneo trasloca in autunno, si giocherà dal 20 settembre al 4 ottobre.

Posticipato il Roland Garros, si giocherà tra settembre e ottobre

Solo le due Guerre Mondiali hanno fermato il Roland Garros, che ha deciso ufficialmente di cambiare data. Uno choc per gli appassionati che sono abituati a seguire il grande appuntamento sul rosso sul finire della Primavera. Ma questo 2020 ha stravolto la vita di tutti noi e anche, ovviamente, quella dei grandi eventi sportivi. L'annuncio ufficiale è stato dato oggi dagli organizzatori, che d'accordo con l'ATP, la WTA e l'ITF, hanno trovato anche una nuova data nel calendario, che è stato completamente stravolto. Il Roland Garros si disputerà dal 20 settembre al 4 ottobre. Praticamente una settimana dopo la finale degli US Open, quella che cronologicamente da decenni è l'ultima prova dello Slam della stagione.

Inedita collocazione in calendario per il Roland Garros

La decisione degli organizzatori è stata giusta, perché sarebbe stato un peccato cancellare un torneo che rappresenta la storia di questo sport. Ma al tempo stesso ora non si può giocare. Si attendono tempi migliori. Certo non sarà facile far disputare regolarmente il torneo: la pioggia spesso fa capolino a Parigi nel corso del torneo in Primavera e figuriamoci come potrà essere fastidiosa o imponente in autunno. Ma da quest'anno anche a Parigi c'è il tetto, che garantisce grande regolarità, quantomeno nelle fasi finali.

Stravolto il calendario del tennis

Il torneo di Indian Wells, ‘1000' californiano, è stato il primo a saltare, seguito a ruota dal ‘1000' di Miami. L'ATP ha poi deciso di cancellare tutti i tornei del mese di aprile, incluso quello di Montecarlo. I giocatori sono fermi e c'è chi pensa che lo stop sarà ancora più consistente. Perché tutto il mondo è coinvolto in questa pandemia e a questo punto sembra anche molto probabile il rinvio o addirittura la cancellazione dei tornei di Madrid e Roma, appuntamenti che nel mese di maggio sono preparatori per il Roland Garros.