Beffa per Vinatzer che chiude lo Slalom Speciale di Cortina al quarto posto, ha sognato in grande dopo il secondo posto della prima manche, ma purtroppo l'altoatesino si deve accontentare della medaglia di legno. Resta una grande prestazione. Ha vinto il norvegese Foss Solevaag.

Grande prima manche, ma poi solo quarto Vinatzer

Nella prima manche Alex Vinatzer è stato straordinario, tornato sui livelli di inizio stagioni si era collocato al secondo posto a soli 14 centesimi dall'austriaco Adrian Pertl, con alle spalle il norvegese Foss Solevaag e lo svedese Jakobsen, pure loro a un passo dall'oro. Mentre Moelgg si è piazzato fuori dalla top 15, fuori invece Razzoli e Gross. La seconda manche è stata una gara a eliminazione, tanti big hanno sbagliato. In tre sono stati nettamente superiori e sono andati a medaglia, con pieno merito: due norvegesi (1° Foss Solevaag, 3° Kristoffersen) e l'austriaco Pertl, felice al traguardo pure se era stato il migliore nella prima manche.

Due medaglie per l'Italia ai Mondiali di Cortina

Con lo Slalom Speciale maschile si chiudono i Mondiali di Cortina, un evento che è stato condizionato dalla mancanza del pubblico e che ha avuto un avvio complicato con alcuni rinvii delle prime gare in programma, ma è stato organizzato alla perfezione. Tutti gli appuntamenti si sono tenuti e le gare si sono svolte regolarmente. L'Italia sperava di ottenere qualcosa di più, soprattutto in campo femminile. Solo le due medaglie all'attivo: quella d'oro di Marta Bassino, prima ex aequo con l'austriaca Liesberger nel parallelo femminile, e quella d'argento di Luca De Aliprandini, secondo nello slalom gigante. Norvegia, Austria e Svizzera come d'abitudine hanno dominato il medagliere.