La prima sessione di qualifica del campionato Mondiale 2020 di Formula 1 per la Ferrari si è conclusa con un completo disastro. Nelle qualifiche del GP d'Austria Sebastian Vettel addirittura non è riuscito ad accedere al Q3, Charles Leclerc ha chiuso soltanto con il 7° tempo lontanissimo dai primi e la SF1000 è apparsa nettamente più lenta anche rispetto alla SF90, la monoposto della scuderia di Maranello della passata stagione. E le parole del pilota monegasco rilasciate al termine delle qualifiche del Red Bull Ring non aumentano l'ottimismo in vista della gara di domenica.

"Purtroppo il valore della nostra macchina è questo, per adesso – ha dichiarato infatti Leclerc -. Ma bisogna lavorare e costruire per il futuro una macchina migliore e non demoralizzarci adesso. Quello di oggi non è il risultato che speravamo, non siamo assolutamente dove vorremmo essere – ha ammesso il driver 22enne -, però continuiamo a lavorare in gruppo e trovare ogni piccolo dettaglio che possa fare la differenza, perché adesso è tutto molto vicino".

Riguardo alle chance delle Ferrari nella gara di domenica Charles Leclerc ha poi aggiunto: "Domani c'è la gara ed è domani dove dobbiamo fare i punti. Sicuramente sarà difficile e di miracoli non ce ne saranno – ha detto mettendo un po' le mani avanti -, ma proveremo a fare il meglio e lavorare per le prossime gare. Non so cosa intendesse Sebastian quando ha detto che domani potremo giocarcela – ha poi concluso il monegasco facendo riferimento alle precedenti dichiarazioni di Vettel ("Credo che in configurazione da gara la macchina sia un pochino meglio e saremo lì a giocarci le nostre carte") – però la chance per tornare più in alto c'è, mentre per lottare con le Mercedes non ancora. Daremo tutto come piloti e team. Proveremo a salire in classifica domani".