Dalla griglia di partenza del Gran Premio di Silverstone, scatterà davanti a tutti il sei volte campione del Mondo Lewis Hamilton. Dopo la vittoria in Ungheria, il ‘cannibale' della Mercedes si è infatti preso la pole position (la numero 91 in carriera) fermando il cronometro sull'1'24"303 e realizzando il nuovo miglior crono della pista inglese. Nonostante la prova di forza della sua Mercedes, Hamilton ha però rivelato di aver faticato e non poco a staccare a concorrenza: "Prima della qualifica ho apportato qualche modifica, ma ho peggiorato le cose. Ho faticato e ad un certo punto mi sono anche girato".

La settima pole sul tracciato di casa

In attesa del semaforo verde di domani (domenica 2 agosto, ore 15.10, con diretta su Sky Sport F1 e differita alle 18:00 su TV8), Hamilton si è così tolto la soddisfazione di centrare la settima pole sul tracciato di casa e di mettersi alle spalle Bottas, Verstappen, Leclerc e anche lo stesso Sebastian Vettel che partirà addirittura dalla decima posizione.

"Alla fine c'è un grosso distacco fra noi e il terzo posto – ha aggiunto il pilota Mercedes, al termine delle qualifiche – Valtteri mi ha spinto al limite, ha fatto un lavoro fantastico. Nelle qualifiche serve costruirsi la fiducia, faticavo e ad un certo punto ho cercato di ritrovare la calma e nel Q3 è andata bene. Non è stato scontato. I tifosi? Sarebbe stato bello vedere le persone qui, manca la loro energia, ma spero che siano contenti per quello che ho fatto".

La delusione di Bottas

Nonostante il secondo tempo dietro al compagno di scuderia, Valteri Bottas si è mostrato poco soddisfatto davanti alle telecamere dei giornalisti: "Per me le qualifiche sono andate bene fino al Q3. Mi sentivo a mio agio con entrambe le mescole e fin da subito sono riuscito ad azzeccare tutto – ha spiegato il finlandese – Invece nel Q3 ho iniziato a sbandare con il posteriore, non so come mai. Lewis ha trovato qualcosa in più di me. Questo significa che ha fatto un ottimo lavoro e merita la pole, complimenti a lui. Io invece sono un po' deluso".