2.410 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Ema Motorsport trovato morto dai familiari: si è tolto la vita senza lasciare alcun biglietto

Prima di suicidarsi Emanuele Sabatino non ha lasciato nessun messaggio per spiegare i motivi dell’insano gesto. Nella sua officina di Broni dove è stato trovato senza vita dalla moglie non è stato rinvenuto nessun biglietto. Gli investigatori valutano la forte delusione per vicende private come possibile causa del suicidio.
A cura di Michele Mazzeo
2.410 CONDIVISIONI
Immagine

La morte di Emanuele Sabatino, in arte Ema Motorsport, ha sconvolto tutti come dimostrano gli innumerevoli messaggi di cordoglio arrivati e le tantissime persone che hanno voluto porgergli l'ultimo saluto presentandosi nella camera ardente di Pisani di Broni, nel pavese, dove il corpo del famoso youtuber di motori è stato portato in attesa dei funerali di lunedì. Intanto però in molti si chiedono quale sia stato il motivo che abbia portato un uomo che, messosi alle spalle i fallimenti del passato, aveva ormai raggiunto il successo a compiere l'insano gesto (è stato infatti trovato impiccato all'interno della sua officina di Broni e secondo le prime ipotesi investigative si tratterebbe di suicidio) senza lasciare nessun messaggio per spiegare cosa lo turbasse a tal punto.

La pista più accreditata secondo gli investigatori al momento sarebbe quella della forte delusione per sue vicende private che covava da diverso tempo. Ma non vi è nessuna certezza dato che sul posto non sono stati rinvenuti biglietti scritti da Ema prima di togliersi la vita. Nessun campanello d'allarme sembra sia scattato prima di quel giovedì sera, quando le sue due figlie, che quel giorno erano a casa sua a Broni, non vedendolo rientrare per l'ora di cena hanno avvisato la madre che negli ultimi tempi era tornata a vivere a Siziano.

Immagine

Quest'ultima, accompagnata da un collaboratore di Emanuele Sabatino, si è subito recata nell'officina di Broni trovando però la porta chiusa dall'interno. La porta a quel punto è stata sfondata e sul posto sono giunti anche i vigili del fuoco e un'ambulanza ma ormai era troppo tardi perché Ema Motorsport era già senza vita. Il giorno successivo l'annuncio della morte che ha dato il via ad una vera e propria ondata di commozione che ha colpito non solo i tanti followers del meccanico social più famoso d'Italia e gli appassionati di meccanica e automobili.

2.410 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views