Tony Cairoli in azione / MXGP.com
in foto: Tony Cairoli in azione / MXGP.com

Niente da fare. Con l’emergenza Coronavirus che dilaga in tutta Europa (qui le ultime notizie e gli aggiornamenti in tempo reale), slittano altri due appuntamenti della stagione 2020 dell’MXGP.  Non sarà quindi il tracciato di Maggiora, in provincia di Novara, ad ospitare la ripartenza del campionato del mondo di Motocross. Dopo il round inaugurale di Matterley Basin, in Gran Bretagna, e il successivo nei Paesi Bassi, a Valkenswaard, le ruote artigliate dovranno attendere almeno fino al mese di giugno per tornare in azione.

MXGP, slittano pure Italia e Germania

Non sono buone notizie quelle che arrivano dal Piemonte, dove le persone che ad oggi risultano positive al Covid-19 sono circa 3.400 su oltre 9.900 tamponi, vale a dire che più di un test su tre ha dato esito positivo. Si tratta di un rapporto che supera anche quello della Lombardia, la regione dove si registra il maggior numero di casi, quasi 22.300 con purtroppo oltre 2.500 morti. Numeri che devono far riflettere sulla gravità della situazione così come sull’importanza del rispetto delle misure di contenimento adottate dal Governo italiano, ma che portano all’inevitabile slittamento dell’MXGP d’Italia previsto per il 17 maggio a Maggiora. Con un comunicato ufficiale, l’Infront Moto Racing ha reso noto che la tappa italiana è rinviata al 5 luglio e, in considerazione di quanto sta accadendo anche in Germania, dove il conteggio dei casi positivi raddoppia ogni tre giorni, allo spostamento della tappa tedesca di Teutschenthal prevista per il 24 maggio e rimandata addirittura al 9 agosto.

La ripartenza (forse) in Russia

A causa della pandemia di Coronavirus – si legge nella dichiarazione dell’organizzazione del campionati – questi cambiamenti sono stati fondamentali per garantire la salute e la sicurezza dello staff, delle squadre, dei piloti e di tutti i fan. Infront Moto Racing insieme a FIM, FIM Europe e gli organizzatori locali stanno lavorando duramente per preservare il più possibile il calendario dei Campionati del mondo di Motocross e sta pianificando di tornare in azione sulla pista di Orlyonok, dove è in programma l’MXGP di Russia previsto per il 7 giugno 2020”. Al momento il campionato conta di ripartire quindi dall’Est europeo dove la situazione è descritta “come sotto controllo” dal presidente Vladimir Putin anche se gli oppositori dubitano fortemente delle cifre ufficiali (147 casi). Secondo l’ex capo del Dipartimento di pubbliche relazioni dell’Istituto statale di relazione internazionali di Mosca, Valery Solovey, i casi sarebbero oltre centocinquantamila.

Il nuovo calendario MXGP 2020

01 Marzo MXGP di Gran Bretagna Matterley Basin (già disputato)
08 marzo MXGP dei Paesi Bassi Valkenswaard (già disputato)
07 giugno MXGP di Russia Orlyonok
14 giugno MXGPdi Lettonia Kegums
28 giugno MXGP di Francia Saint Jean d'Angely
5 luglio MXGP d'Italia Maggiora
19 luglio MXGP del Trentino (Italia) Pietramurata
26 luglio MXGP della Repubblica Ceca Loket
02 agosto MXGP del Belgio Lommel
9 agosto MXGP di Germania Teutschenthal
16 agosto MXGP di Svezia Uddevalla
23 agosto MXGP di Finlandia KymiRing
06 settembre MXGP dell Turchia Afyonkarahisar
13 settembre MXGP di Cina Shanghai
20 settembre MXGP dell'Emilia Romagna (Italia) Imola
11 ottobre MXGP di Spagna intu Xanadú – Arroyomolinos
18 ottobre MXGP del Portogallo Agueda
1 novembre MXGP di Jakarta (Indonesia) Jakarta
8 novembre MXGP di Indonesia (pista da confermare)
22 Novembre MXGP di Patagonia-Argentina Neuquen