43 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Un compagno di prigione di Dani Alves lo inguaia: rivela una frase dettagli dal brasiliano

Tra pochi giorni Dani Alves conoscerà il suo destino, in arrivo la sentenza del processo per stupro: rischia una condanna tra i 9 e i 12 anni. Intanto arrivano rivelazioni dai suoi compagni di carcere.
A cura di Paolo Fiorenza
43 CONDIVISIONI
Immagine

Entro una decina di giorni arriverà la sentenza del giudice del Tribunale numero 21 di Barcellona davanti al quale si è svolto il processo per lo stupro di cui è accusato Dani Alves, rinchiuso in carcere ormai da oltre un anno. L'ex calciatore brasiliano è detenuto in Catalogna dal gennaio del 2023, in seguito all'accusa mossagli da una ragazza di 23 anni che sostiene di aver subìto violenza nel bagno di una discoteca di Barcellona nella notte tra il 30 e il 31 dicembre del 2022. La condanna, in base alle richieste formulate, può andare dai 9 anni di carcere ai 12, e sembra difficile – alla luce del quadro probatorio, ma anche dell'andamento del processo – che l'ex Barça e Juventus possa uscirne indenne.

Prima ancora di prove e testimonianze contro di lui, non giova alla causa di Dani Alves il fatto che in questi 13 mesi abbia cambiato la propria versione ben cinque volte, ammettendo alla fine il rapporto sessuale completo ma sostenendo che fosse consensuale, ed invocando come attenuante un suo presunto stato di non padronanza di se stesso dovuto all'assunzione abbondante di alcol, al punto da non riuscire a reggersi in piedi al ritorno a casa. Il suo ultimo avvocato (dei tre che ha cambiato), Ines Guardiola, ha chiesto ancora una volta nel corso del processo la libertà provvisoria per il giocatore più titolato nella storia del calcio, con ritiro contestuale dei suoi due passaporti brasiliano e spagnolo.

Dani Alves a capo chino durante il processo per stupro a Barcellona
Dani Alves a capo chino durante il processo per stupro a Barcellona

Istanza ancora una volta respinta dal giudice per il rischio di fuga, reso ancora più grande dal fatto che tra Spagna e Brasile non esiste un accordo di estradizione. E quanto questo pericolo fosse reale, lo ha svelato un ex compagno di carcere di Dani Alves: "Se gli danno la libertà provvisoria in attesa del processo, la prende e va in Brasile definitivamente", ha detto il detenuto a Telecinco con la voce distorta e il volto nascosto. "Ma questo glielo ha detto Alves?", ha insistito la conduttrice del programma. "Certamente", ha risposto l'uomo, che rivelerà la sua identità nei prossimi giorni.

Ma non è stata questa l'unica rivelazione proveniente dal carcere che ha ospitato il brasiliano nell'ultimo anno. Sempre su Telecinco si è sentito un altro detenuto dire che Dani Alves sarebbe entrato nel protocollo anti suicidio: "Sono state prese misure estreme per paura che si tagliasse o tentasse di fare qualcosa di folle o cose del genere. A seguito del processo, è diventato depresso, sembrava avvilito. Ha seguito quel protocollo dal giorno dopo il processo".

43 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views