5 Luglio 2021
0:42

Un altro Schmeichel sogna l’impresa con la Danimarca: da Peter a Kasper, è una questione di famiglia

Sono passati 29 anni dall’impresa che vide la Danimarca diventare campione d’Europa. Tra le selezioni di Richard Møller Nielsen e di Kasper Hjulmand non c’è nulla in comune ma il punto di raccordo tra queste due storie è la continuità della famiglia Schmeichel in porta: la maglia numero 1 di Peter ora è sulle spalle di Kasper, una questione di famiglia.
A cura di Vito Lamorte

Un altro Schmeichel, 29 anni dopo. Nel 1992 Peter fu protagonista del il campionato europeo in Svezia 1992 con prestazioni straordinarie e dopo quasi tre decenni il figlio Kasper è uno dei simboli della Danimarca che ha conquistato la Final Four di EURO 2020. Proprio come allora i danesi si sono presi un posto in semifinale quando nessuno scommetteva su di loro ma la squadra di Kasper Hjulmand, senza fare molto rumore e passo dopo passo, ha emulato i suoi predecessori e adesso proverà a inseguire quel sogno perché hanno ancora una grande sfida per eguagliare la squadra del 1992, che vinse il titolo dopo aver battuto la Germania in finale e aver partecipato al torneo in seguito all'esclusione della Jugoslavia a causa della guerra.

Metà dei giocatori era in vacanza ma l'allenatore Richard Moller Nielsen riuscì a mettere su una rosa che giunse fino alla gloria. Tra loro c'era Peter Schmeichel, appena arrivato al Manchester United e che all'età di 29 anni iniziò a farsi conoscere a livello internazionale: la stagione 1991/1992 fu la prima delle otto disputate con la squadra inglese e proprio in quella estate i Red Devils si resero conto ancora di più di aver ingaggiato un grande portiere. Peter e i suoi compagni gara dopo gara hanno acquisito sempre più consapevolezza fino alla vittoria per 2-0 sui tedeschi con le reti di Jensen e Vilfort. Il pubblico dello stadio Ullevi di Göteborg è stato testimone delle parate di Schmeichel senior e della straordinaria favola della Danimarca.

Ora Kasper sta ripercorrendo le orme del padre e mercoledì a Wembley andrà alla ricerca della sua prima notte da ricordare con la maglia della nazionale: in realtà agli ottavi del Mondiale 2018 in Russia Schmeichel junior ha sfiorato l'impresa contro la Croazia con una partita stellare e con due rigori parati nella serie finale a Badelj e Pivaric ma tutto questo non è bastato per evitare l'eliminazione. Ora gli avversari sulla sua strada saranno Kane, Sterling, Sancho e Mount ma dopo nove stagioni in Premier League Kasper conosce bene i prossimi rivali. Nelle sue mani c'è l'illusione di un intero paese, che spera di vedere ancora uno Schmeichel aiutare la Danimarca a stupire di nuovo l'Europa.

Leclerc sogna l'impossibile: "Sarà durissima, non possiamo vincere ma spero nell'impresa a Monza"
Leclerc sogna l'impossibile: "Sarà durissima, non possiamo vincere ma spero nell'impresa a Monza"
"Mondiali ed Europei ogni due anni": sale la tensione tra Fifa e Uefa
"Mondiali ed Europei ogni due anni": sale la tensione tra Fifa e Uefa
Al Bologna basta un gol di Svanberg per battere il Verona
Al Bologna basta un gol di Svanberg per battere il Verona
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni