Ubaldo Righetti, ex difensore della Roma dal 1980 al 1987 e vincitore dello Scudetto dell'83 della Lupa, è stato oggi colpito da infarto mentre giocava a padel con alcuni amici. Ricoverato d'urgenza all'ospedale Sant'Andrea, il 58enne è cosciente e non sarebbe in pericolo di vita.

Righetti oggi è apprezzato opinionista della tv ufficiale della Roma, il suo volto e la sua voce sono abituali compagni della tifoseria giallorossa. Da quanto trapela, le sue condizioni non sarebbero gravi ed il peggio è alle spalle: lo spavento in ogni caso è stato grande.

Il nome di Righetti, difensore centrale dall'incedere molto elegante, è legato agli anni d'oro della Roma della prima metà degli anni '80. Dopo l'esordio in Serie A a 18 anni, viene lanciato titolare da Liedholm ed è parte della squadra che vince lo Scudetto del 1983 e tre Coppe Italia tra il 1981 e il 1986. Il suo piede non trema durante la sfortunata lotteria dei rigori in finale di Coppa dei Campioni nel 1984: realizza il suo penalty, ma i giallorossi perdono contro il Liverpool per gli errori di Conti e Graziani.

Righetti, che conta 8 presenze anche con la Nazionale maggiore, ha poi vestito le maglie di Udinese, Lecce, Pescara e Terracina, prima di appendere gli scarpini al chiodo. Meno fortunata la carriera da allenatore, abbandonata nel 2005 per dedicarsi al commento in radio e TV, fino all'attuale impegno col canale ufficiale della Roma. Adesso è arrivato il malore durante una partita di padel con gli amici, ma fortunatamente le condizioni di Righetti non sono gravi e vengono monitorate costantemente all'Ospedale Sant'Andrea.