Non è la Lazio spumeggiante della fase pre-pandemia, ma è cinica quanto basta per battere 2-1 il Torino in rimonta. I biancocelesti vivono una serata altalenante contro i granata: vanno sotto praticamente subito, incassano il colpo delle ammonizioni pesanti di Immobile e Caicedo (salteranno il Milan per squalifica) ma trovano la freddezza per convertire in gol due delle poche occasioni chiare create, con Immobile e Parolo. E tengono il passo necessario per continuare ad insidiare la Juventus al comando della Serie A.

L'avvio di partita è un incubo per la Lazio, perché si materializza esattamente il copione che sognava il Torino: i granata sbloccano subito il punteggio grazie ad un rigore di Belotti – assegnato per un braccio galeotto di Immobile – e abbassano di conseguenza il baricentro, arroccandosi nella propria trequarti a difesa del vantaggio, con poche sortite offensive a spezzare il ritmo della Lazio. Non irresistibile, a dire il vero. La pressione è costante ma produce meno di quanto sperato da Inzaghi. Un paio le occasioni importanti, ad opera di Milinkovic-Savic e Immobile, ma non abbastanza per riportare in parità la partita. Il quadro si fa persino più negativo per i biancocelesti, perché Immobile e Caicedo – entrambi diffidati – finiscono sul taccuino di Massa e salteranno per squalifica l'incontro con il Milan.

Proprio Immobile, per farsi perdonare, si rende protagonista della fiammata che cambia l'incontro all'inizio del secondo tempo: movimento in verticale a dettare lo splendido assist di Luis Alberto e sinistro vincente alle spalle di Sirigu. La rete del pareggio regala nuove energie, fisiche e mentali, alla truppa di Simone Inzaghi, che alza ulteriormente il livello della spinta dinanzi ad un Toro incapace di rispondere a dovere. Un po' come nei primi 45 minuti, la partita si sviluppa essenzialmente nella metà campo granata ma dalle parti di Sirigu grandi pericoli non se ne vedono. La Lazio, da squadra cinica, si fa bastare mezza occasione per cogliere una vittoria pesantissima: è un tiro sporco di Parolo a completare la rimonta e a consegnare tre punti cruciali per mettere pressione alla Juve. E consentire alla Lazio di respirare ancora aria di corsa Scudetto.