Stefano Pioli si è detto carico in vista del derby di domani tra Milan e Inter. L'allenatore rossonero confida molto nella propria squadra e soprattutto sull'approccio mentale ad una partita che notoriamente è sempre vissuta in modo diverso rispetto alle altre. Prima di iniziare la conferenza stampa della vigilia, Pioli ha però subito voluto ricordare Mauro Bellugi, morto a 71 anni: "Ci teniamo a fare le condoglianze ai suoi familiari" ha sottolineato il tecnico rossonero che è poi passato all'analisi della partita. "Speriamo sia un derby senza tifosi – ha evidenziato Pioli – i nostri tifosi sono speciali e noi siamo certi di poter fare bene in questa sfida".

Pioli non si è voluto sbilanciare sulla formazione che scenderà in campo domani a ‘San Siro' ma ha dato solo qualche indicazione su colui il quale, quasi sicuramente, sarà titolare a centrocampo dopo l'infortunio di Bennacer: Sandro Tonali. "Giocatore molto forte dalle grandi potenzialità – ha detto – è molto motivato così come gli altri compagni di squadra". E poi quello che è sembrato quasi un grido di battaglia e di scossa per i suoi ragazzi: "Domani voglio vedere una partita di alto livello".

Pioli nel corso della conferenza stampa, ha però anche analizzato il momento del Milan con troppi risultati altalenanti che non hanno permesso alla squadra di mantenere il primato in classifica. "Non abbiamo alzato il livello nelle ultime due partite" e sul nuovo duello tra Ibrahimovic e Lukaku ha detto: "Sarebbe stato meglio non fosse successo niente e tra i due mi tengo tutta la vita Ibra nonostante rispetti molto il belga".

Pioli ha ribadito come sarà necessario scendere in campo con la consapevolezza di andare a vincere la partita e soprattutto giocando bene. Sulle qualità dei singoli, il tecnico rossonero si è soffermato su Tomori: "È bravo ma non ha la fisicità giusta per contrastare Lukaku, forse è più congeniale in marcatura su Lautaro e Sanchez". Sulle condizioni di Mandzukic e Bennacer: "Mario già oggi si è allenato, spero non sia nulla di grave. Bennacer fatica a ritrovare l'elasticità del muscolo".