72

condivisioni

CONDIVIDI
11 Luglio 2021 11:00

Perché “It’s coming home” è il motto dell’Inghilterra agli Europei: significato e traduzione

Nell'ultimo mese in Inghilterra non si canta altro che non sia il coro "It's coming home", motto della nazionale di Gareth Southgate agli Europei. Questo deriva da una canzone realizzata dalla band Lighting Seeds e dai comici David Baddiel e Franck Skinner in occasione di Euro '96, il cui vero titolo è "Three Lions (Football's coming home)", tornata in voga già ai Mondiali del 2018.
A cura di Valerio Albertini

"It's coming home, it's coming home, it's coming, football's coming home". Quante volte abbiamo sentito questo motivetto nell'ultimo mese? Innumerevoli. Si tratta di quello che è diventato a tutti gli effetti il motto dell'Inghilterra in questi Europei, il quale tornerà prepotentemente presente anche nella finale contro l'Italia. I tifosi britannici lo cantano dalla sfida contro la Croazia, che ha rappresentato l'esordio della nazionale di Gareth Southgate nella competizione, in tutte le partite giocate a Wembley sono comparsi striscioni e cartelli con la scritta "It's coming home". Questa frase è stata cavalcata molto anche dai giornalisti inglesi, uno dei quali l'ha utilizzata anche per fare una domanda al portiere danese Kasper Schmeichel alla vigilia della semifinale, ricevendo una risposta non proprio conciliante da parte dell'estremo difensore del Leicester.

Il motto deriva da una canzone realizzata dalla band Lightning Seeds e dai comici David Baddiel e Franck Skinner in occasione di Euro '96, competizione disputata proprio in Inghilterra trent'anni dopo la vittoria nel Mondiale casalingo del 1966. Il vero nome del brano, in realtà, è Three Lions (Football's coming home), ma è conosciuta principalmente per i suoi primi versi, nei quali si ripete più volte la frase "It's coming home".

Questa letteralmente significa "Sta tornando a casa" e, nell'accezione datagli dai tifosi inglesi, si riferisce al calcio, sport che vanno fieri di aver inventato. È per questo che associano la loro nazione alla casa del football, nella quale sperano appunto possa tornare, dopo un secolo di insuccessi e fallimenti a Mondiali ed Europei, escluso l'exploit del '66.

Il vero significato di "It's coming home" e le sue interpretazioni

È proprio a quel successo che si rivolge maggiormente il brano, pensato dagli autori non come un'esaltazione dell'Inghilterra, ma come una sorta di lamento per gli insuccessi della nazionale dei Tre Leoni, aggrappata al ricordo dell'unico Mondiale vinto, e come un invito ai tifosi a non perdere la speranza nei confronti di una vittoria che non è destinata ad arrivare ("Loro lo sanno/Sono così sicuri/Che l'Inghilterra lo butterà via/Lo spazzerà via"). Nelle loro intenzioni, dunque, si tratta di una sorta di invocazione alla vittoria tanto agognata, tanto più in una competizione giocata praticamente in casa, non di un grido per la superiorità inglese, ma un'ode alla speranza di fronte all'avversa realtà dei fatti.

Dopo anni difficili, la nazionale inglese è tornata a far sognare i suoi tifosi ai Mondiali del 2018 e, insieme a una ritrovata consapevolezza della propria forza, è tornato in voga anche il coro "It's coming home". Questo si è reso ancor più protagonista in questi Europei, dov'è diventato un vero e proprio tormentone, causando anche il fastidio da parte di alcune delle altre squadre, non tanto per l'interpretazione dei supporters, ma per quella di alcuni giornalisti britannici, forse a volte eccessivamente altezzosi nell'esaltare la propria squadra, che è tornata a regalare loro gioie dopo diversi anni di magra. Anche Southgate, già nel 2018, aveva difeso il motivetto definendolo come semplice "umorismo inglese", ma il coro è tornato comunque a far discutere anche in questa edizione degli Europei.

Fuori dall'Inghilterra, infatti, questo è visto appunto come qualcosa che rispecchia la volontà dei britannici di esaltare una nazionale che nella sua storia ha portato a casa solo un Campionato del Mondo. In questo senso va la risposta di Schmeichel al giornalista inglese che gli ha chiesto se fosse motivato a fermare "il calcio che sta tornando a casa". Il portiere danese ha replicato in maniera pronta, smontando l'entusiasmo intorno alla nazionale dei Tre Leoni: "Il calcio è mai stato a casa? Non so, l'avete mai vinto? (riferendosi all'Europeo, ndr)". Ed è sempre in questo senso che vanno anche gli striscioni mostrati dai tifosi italiani, i quali hanno sostituito la parola "home" con "Rome" nel motto, facendo intendere come il calcio fosse pronto a prendere la via dell'Italia e, dunque, di Roma.

Il testo tradotto di Three Lions (Football's coming home)

Sta tornando a casa
Sta tornando a casa
Sta tornando
Il calcio sta tornando a casa (otterremo cattivi risultati)
Sta tornando a casa
Sta tornando a casa
Sta tornando
Il calcio sta tornando a casa
Sta tornando a casa
Sta tornando a casa
Sta tornando
Il calcio sta tornando a casa
Sta tornando a casa
Sta tornando a casa
Sta tornando
Il calcio sta tornando a casa
Tutti sembrano conoscere il punteggio
Hanno visto tutto prima
Loro lo sanno
Sono così sicuri
Che l'Inghilterra lo butterà via
Lo spazzerà via
Ma so che possono giocare
Perché mi ricordo
Tre leoni su una maglietta
Jules Rimet ancora splendente
Trent'anni di dolore
Non mi hanno mai impedito di sognare
Tante battute, tante beffe
Ma tutti quegli "Oh così vicino"
ti logorano
Attraverso gli anni
Ma vedo ancora quel placcaggio di Moore
E quando Lineker ha segnato
Bobby che colpisce la palla
E Nobby che danza
Tre leoni su una maglietta
Jules Rimet ancora splendente
Trent'anni di dolore
Non mi hanno mai impedito di sognare
(Che salvataggio, Gordon Banks!
(Buona vecchia Inghilterra, Inghilterra che non sapeva giocare a calcio)
(l'Inghilterra ce l'ha nella borsa)
So che era allora, ma potrebbe essere di nuovo
Sta tornando a casa
Sta tornando
Il calcio sta tornando a casa
Sta tornando a casa
Sta tornando a casa
Sta tornando
Il calcio sta tornando a casa (l'Inghilterra ce l'ha fatta)
Sta tornando a casa
Sta tornando a casa
Sta tornando
Il calcio sta tornando a casa
Sta tornando a casa
Sta tornando a casa
Sta tornando
Il calcio sta tornando a casa
Tre leoni su una maglietta (sta tornando a casa, sta tornando)
Jules Rimet ancora splendente (il calcio sta tornando a casa, sta tornando a casa)
Trent'anni di dolore (sta tornando a casa, sta tornando)
Non mi hanno mai impedito di sognare (il calcio sta tornando a casa)
Tre leoni su una maglietta (sta tornando a casa, sta tornando)
Jules Rimet ancora splendente (il calcio sta tornando a casa, sta tornando a casa)
Trent'anni di dolore (sta tornando a casa, sta tornando)
Non mi hanno mai impedito di sognare (il calcio sta tornando a casa)
Tre leoni su una maglietta (sta tornando a casa, sta tornando)
Jules Rimet ancora splendente (il calcio sta tornando a casa, sta tornando a casa)
Trent'anni di dolore (sta tornando a casa, sta tornando)
Non mi hanno mai impedito di sognare (il calcio sta tornando a casa)
Tre leoni su una maglietta

Continua a leggere su Fanpage.it
L'Inghilterra rilancia col maglione di Natale, ottima idea regalo: "Sta tornando a casa nel 2022"
Qualificazioni Mondiali in TV e streaming del 16 novembre: Olanda-Norvegia dove vederla sui canali Mediaset
Scatto Inter, incontro per il rinnovo di Brozovic: i nerazzurri hanno fretta di chiudere
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni