Contusione alla costola, tempi di recupero incerti. L'entità dell'infortunio subito da Neymar tiene in ansia il Paris Saint-Germain che martedì prossimo (18 febbraio) andrà in campo per l'andata degli ottavi di finale di Champions League. Ci sarà anche il brasiliano? Partirà titolare oppure per lui è previsto solo un inserimento a gara in corso? E soprattutto quali sono le sue condizioni e quanto tempo gli sarà necessario per ristabilirsi? Domande che nelle prossime ore potrebbero ricevere risposta certa alla luce della duplice assenza in campionato e nei quarti di Coppa di Francia.

Il tecnico Tuchel parla delle condizioni del brasiliano

Allarme arancione. A meno di una settimana dall'andata contro i tedeschi la preoccupazione è palpabile. Ad annunciarlo è lo stesso club capitolino che lo ha fatto attraverso le parole del tecnico, Thomas Tuchel. Chi attendeva parole rassicuranti è rimasto deluso. Alla luce dei concetti espressi c'è poco da essere ottimisti.

Giocherà quando sarà pronto – ha ammesso l'allenatore -. Ci sono una serie di cose da valutare con attenzione tenendo conto del parere dei medici e di quanto emerso in allenamento. Neymar in questo momento è infortunato, dobbiamo essere pazienti e attenti. Vogliamo evitare di correre rischi inutili.

La cronaca degli infortuni di Neymar in stagione

Una stagione tra luci e ombre per O Ney non iniziata sotto una buona stella a causa dell'infortunio che lo ha fermato nell'estate scorsa: 2 mesi per la rottura parziale del legamento della caviglia che ne ha pregiudicato la preparazione e caratterizzato il ritardo di condizione che tra fine agosto e inizio settembre lo ha tenuto fuori per altri 27 giorni (4 le gare saltate). Finita qui? No, perché tra ottobre e novembre un infortunio muscolare alla coscia ha lasciato il brasiliano di nuovo dietro le quinte: 37 giorni, 6 assenze in gare ufficiali.