Dobbiamo dare continuità, facendo un filotto di vittorie, prima di dire che siamo tornati. Non mi fido, non è per buttare le mani avanti. Non dobbiamo dimenticare ciò che abbiamo combinato. La strada da seguire è questa, con tanto lavoro, la difesa che lavora bene.

Gennaro Gattuso non si fida del suo Napoli. Il tecnico calabrese ha parlato ai microfoni di Sky Sport nel post-partita di Cagliari e nonostante la vittoria degli azzurri non ha intenzione di fidarsi dei suoi ragazzi dopo gli alti e bassi delle scorse settimane. Proprio per questo l'allenatore nel corso della conferenza stampa ha fatto sapere che non ci sarà nessun giorno di riposo e domani si lavora normalmente:

Mi hanno chiesto a fine partita il giorno di riposo ma non ci sarà, si pedala. Bisogna fare una serie di partite come queste ultime, la squadra ha bisogno di grande compattezza in ogni aspetto quotidiano, da come si vive lo spogliatoio al campo.

In merito gli obiettivi stagionali del club azzurro Gattuso non vuole guardare troppo in avanti e cercherà di tenere sulle spine i suoi ragazzi da oggi fino a fine anno:

Oggi bisogna pensare al presente. Quello che abbiamo fatto resterà nei libri di storia. Io ho fatto tanto nella mia carriera, ma se mi metto a giocare faccio schifo. Ho 15 chili in più e faccio un altro mestiere, partendo da 0-0. Qui rischiamo tanto. Noi dobbiamo fare 40 punti. Questa squadra ha grandissime qualità, ma non può permettersi di scherzare col fuoco. Per uscire dalle difficoltà bisogna pensare 24 ore al giorno al Napoli. Chi ha fatto grandi cose qui, perché buttare tutto negli ultimi mesi? Alla fine tireremo le somme.

Gattuso: Insigne doveva giocare, Elmas mi dà tanto

Rino ha parlato della presenza di Elmas ancora al posto di Insigne nell'undici titolare e delle risposte interessanti che sta avendo dal calciatore macedone impiegato in quella posizione:

Insigne doveva giocare, ma ha avuto un fastidio al ginocchio. Elmas mi sta dando tanto. Sono diversi. In questo momento sta giocando chi mi sta dando il meglio, chi sta meglio va in campo.

Gattuso: Allan? Domani è un altro giorno

In merito alla mancata convocazione di Allan e a quanto successo in allenamento con il centrocampista brasiliano, Gattuso ha dichiarato:

 Su Allan dico che domani è un altro giorno. Domani non si porta rancore, domani sarò il primo ad incitarlo. Ma bisogna allenarsi in un certo modo. So che Allan ha avuto proposte importanti, ma quelli sono problemi della società. L'importante è che in allenamento io veda senso di responsabilità e professionalità. Da domani grande disponibilità con Allan per riuscire a metterlo nelle condizioni migliori.

Gattuso: Mertens è un fenomeno

Infine Gattuso ha parlato molto bene di Dries Mertens, che è stato il match-winner di Cagliari e con la sua esperienza può diventare sempre più importante:

Al di là del gol, fa diventare tutto semplice quando viene a legare. Su questo è un fenomeno. Le sue qualità tecniche le conoscete tutti. È furbo, sa come ricevere, come legare. Non sta mai fermo. Ci è mancato tanto perché è un calciatore che abbina furbizia a grande qualità.