24 Settembre 2021
21:01

Mondiali ogni due anni, l’ECA attacca la FIFA e sostiene l’UEFA: “Proposta distruttiva”

L’ECA scende in campo contro i Mondiali ogni due anni. L’European Club Association è intervenuta a sostegno dell’UEFA e ha puntato il dito contro il nuovo progetto della FIFA sulla Coppa del Mondo: l’ente ha rilasciato un comunicato durissimo in cui avverte che si “queste proposte avrebbero un impatto diretto e distruttivo sui club, sia a livello nazionale che internazionale”.
A cura di Vito Lamorte

C'è grande fermento nel mondo calcistico dopo la proposta della FIFA di voler disputare i Mondiali ogni due anni. L'idea che cambierebbe il panorama calcistico a tutti i livelli ha destato grande clamore e ha generato uno tsunami di reazioni a tutti i livelli. Se qualche giorno fa era stata la UEFA a opporsi con una certa forza, supportata anche dalla CONMEBOL e dal World Leagues Forum, oggi è stata la volta dell'ECA (European Club Association). L'ente presieduta da Nasser Al-Khelaïfi, strettamente legata alla UEFA da quando il presidente del PSG si è insediato, ha emesso un comunicato molto lungo in cui mette in guardia sui pericoli di organizzare una Coppa del Mondo biennale: l'ECA ritiene che l'attuazione di questa idea influenzerebbe il futuro dei calendari internazionali e, tra le altre cose, comprometterebbe lo sviluppo del calcio giovanile e femminile.

Ad opporsi al nuovo progetto della FIFA è arrivata anche la voce del vicepresidente della Commissione europea, Margaritis Schinas, che giovedì ha dichiarato: "Condivido pienamente i dubbi delle Federazioni calcistiche europee nazionali sulla possibilità di una Coppa del mondo di calcio ogni due anni. L'Europa è l'epicentro mondiale del calcio e abbiamo il dovere di preservare un modello che rispetti l'interesse dei tifosi, il benessere dei giocatori e la logica generale del calendario sportivo globale, non solo gli interessi commerciali".

Nei giorni scorsi il massimo ente calcistico ha fissato il primo appuntamento per discutere il nuovo calendario delle partite internazionali e tra i temi all’ordine del giorno c’è anche quello del Mondiale ogni due anni. Le consultazioni con le federazioni e tutte le parti interessate inizieranno il 30 settembre sotto la guida di Arsene Wenger e Jill Ellis.

Il comunicato integrale dell'ECA

Questa la nota completa dell'ECA sulla possibilità di modifica del calendario da parte della FIFA,

L'ECA richiede che le squadre di calcio e il benessere dei giocatori siano al centro di qualsiasi processo di riforma del Calendario Internazionale delle Partite (IMC).

Alla luce della gamma di decisioni e comunicazioni faziose recentemente effettuate dalla FIFA in occasione della modifica o della pianificazione di una futura riforma del Calendario internazionale delle partite (IMC), in violazione diretta e unilaterale di determinati obblighi legali, l'ECA – come voce del calcio professionistico europeo club – si sente in dovere di trasmettere quanto segue.

I club di calcio sono sempre stati una voce fondamentale e rispettata nel plasmare il futuro dell'IMC. Sono la pietra angolare del calcio, sono i driver delle competizioni; il principale centro e sede dello sviluppo e degli investimenti dei giocatori; e il punto d'appoggio dei tifosi e delle loro comunità locali. Ecco perché il Memorandum of Understanding (MoU), che regola il rapporto tra l'ECA e la FIFA, pone al centro l'IMC. Questo protocollo d'intesa tra i club e la FIFA è stato concordato dopo negoziati dettagliati e approvazione congiunta sull'IMC, nonché sui processi che disciplinano l'IMC.

L'RCT è stato chiaro nella sua posizione che sono necessari cambiamenti nel BMI. Un IMC modernizzato e più semplice dovrebbe essere basato su un minor numero di finestre di lancio; migliore protezione e salute dei giocatori; e un approccio equilibrato al calcio di club e internazionale. A tal fine, l'ECA ha chiarito, pubblicamente, privatamente e ripetutamente, la sua disponibilità a collaborare con la FIFA per concordare quali dovrebbero essere tali modifiche.

Pertanto, l'ECA ha seguito con grande preoccupazione e allarme il lancio da parte della FIFA di campagne di pubbliche relazioni attive e di alto profilo, apparentemente cercando appoggi attraverso le riforme dell'IMC, in particolare l'introduzione di una Coppa del Mondo biennale.

A parte la notevole mancanza di vere consultazioni (o del tutto assenti), e come molte parti interessate hanno sottolineato negli ultimi giorni, le proposte della FIFA avrebbero un impatto diretto e distruttivo sui club, sia a livello nazionale che internazionale. Inoltre, le proposte metterebbero a rischio la salute e il benessere dei giocatori. Diluirebbero il valore e l'importanza delle competizioni per club e nazionali. Diminuirebbero e entrerebbero in conflitto con il calcio femminile e giovanile in quanto sono aree sottorappresentate del gioco in cui l'ECA e altri stanno dedicando molto tempo, talento e risorse, subordinando altri tornei e interessi sportivi a tutti i livelli in tutto il mondo.

Data la centralità dell'IMC per le società di calcio, e i club per l'IMC, l'ECA ribadisce nei termini più inequivocabili che qualsiasi decisione riguardante il futuro può essere presa solo con il consenso delle società calcistiche, con il benessere dei giocatori e in conformità con obblighi giuridicamente vincolanti che generalmente non dovrebbero essere ripetuti.

In breve, la riforma dell'IMC deve basarsi su risultati concordati, equilibrati nell'interesse di tutti, dopo una consultazione onesta e dettagliata, non semplicemente scagliarsi sugli interessi unici della FIFA sulla base di una serie di campagne di pubbliche relazioni.

"L'idea del Mondiale ogni due anni esce da una casa di malati mentali": è guerra tra UEFA e FIFA
"L'idea del Mondiale ogni due anni esce da una casa di malati mentali": è guerra tra UEFA e FIFA
Un documento riservato finisce in rete: il vero piano della FIFA per i Mondiali ogni 2 anni
Un documento riservato finisce in rete: il vero piano della FIFA per i Mondiali ogni 2 anni
Mancini freddo sul Mondiale ogni due anni: "C'è il rischio che diventi una cosa normale"
Mancini freddo sul Mondiale ogni due anni: "C'è il rischio che diventi una cosa normale"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni