34 CONDIVISIONI

Lopetegui rifiuta i milioni dell’Al Ittihad, ha altre ambizioni: resta solo un nome per la panchina

Non è bastata la classica proposta indecente da parte dell’Al Ittihad per convincere Julien Lopetegui a sedersi al posto dell’esonerato Nuno Espirito Santo. Il tecnico spagnolo ha rifiutato l’offerta milionaria preferendo altre possibili proposte, calcisticamente più valide. Ora resta solo il nome di Marcelo Gallardo in lista, una scelta che potrebbe portare anche l’ok di Paolo Maldini.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Sport Fanpage.it
A cura di Alessio Pediglieri
34 CONDIVISIONI
Immagine

L'Al Ittihad resta ancora senza allenatore: dopo aver esonerato Nuno Espirito Santo, il club saudita ha incassato il "no" della sua prima scelta, Julen Lopetegui, attualmente libero dopo la sua ultima esperienza ai Wolves. Il tecnico spagnolo ha rifiutato la faraonica offerta per valutare possibili alternative, di certo meno entusiasmanti sul fronte economico ma molto più intriganti su quello meramente sportivo. Adesso, per il club di Benzema la caccia al nuovo tecnico riparte e lo puntando direttamente a Marcelo Gallardo.

Julien Lopetegui si è auto escluso dalla corsa per prendere il posto di Espirito Santo, sollevato dall'incarico di allenatore dell'Al Ittihad una settimana fa, non senza strascichi polemici e panni sporchi sventolati in piazza. Alla base della decisione, infatti, ci sarebbe stata una pesante discussione  – con conseguente spaccatura – nello spogliatoio della squadra araba. Tutto esploso a seguito della sconfitta rimediata nella Champions asiatica contro l'Al Quwa Al Jawiya, con Karim Benzema che sarebbe stato accusato dal tecnico di non aver inciso nel match ricevendo il pubblico fastidio del francese e la conseguente messa al palo: "Il club ha annunciato la fine del suo contratto con l'allenatore portoghese Nuno Santo".

Così, squadra affidata ad interim al suo vice, Hassan Khalifa, in attesa di ingaggiare il sostituto del portoghese che l'anno scorso aveva condotto alla vittoria nella Saudi League proprio l'Al Ittihad e che quest'anno sognava il clamoroso bis sulle ali dei tantissimi acquisti estivi. Nomi importanti, inseriti grazie ad ingaggi multimilionari pronti ad essere sottoscritti dalla proprietà saudita: Zinedine Zidane, Laurent Blanc, Marcelo Gallardo e, appunto, Julien Lopetegui. Che ha declinato l'offerta.

Un'offerta che pare fosse – e resterà – molto vantaggiosa dal punto di vista economico con 10 milioni di euro messi sul tavolo per chi deciderà di prendere il testimone di Nuno Santo. E potrebbe essere a questo punto Marcelo Gallardo su cui il club è andato immediatamente in pressing dopo aver capito che Zidane e Blanc fossero semplici suggestioni irraggiungibili. Fermo da poco più di un anno dopo l'esperienza al River Plate il tecnico argentino dovrebbe accettare senza indugio trovandosi ad ora unico reale candidato.

In una squadra con altissime ambizioni in campo, visti gli acquisti di campioni come N'Golo Kante, Fabinho e Benzema, fiore all'occhiello del mercato ma anche nell'assetto societario. Non è un caso che nelle ultime settimane l'Al Ittihad sia stato avvicinato a Paolo Maldini, attualmente senza impegni dopo l'addio al Milan, per la figura di direttore tecnico. Dal quale potrebbe passare anche il definitivo nullaosta per il nuovo allenatore.

34 CONDIVISIONI
Tensione alle stelle tra Benzema e l'Al Ittihad: deve allenarsi da solo finché non chiede scusa
Tensione alle stelle tra Benzema e l'Al Ittihad: deve allenarsi da solo finché non chiede scusa
Messi resta in panchina nell'amichevole a Hong Kong, il pubblico esplode: Beckham paga per tutti
Messi resta in panchina nell'amichevole a Hong Kong, il pubblico esplode: Beckham paga per tutti
Non solo calcio, l'Arabia Saudita si compra il ciclismo: pronti 250 milioni per una nuova Lega
Non solo calcio, l'Arabia Saudita si compra il ciclismo: pronti 250 milioni per una nuova Lega
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni