Dal rigore del possibile pareggio (quando il risultato era sull'1-2 per il Cagliari) al rigore annullato per intervento del Var. Il Benevento perde in casa lo scontro salvezza con i sardi (1-3) e il presidente, Vigorito, va su tutte le furie per la decisione di Mazzoleni, il cui intervento dalla cabina di regia s'è rivelato decisivo per indurre l'arbitro alla revisione dell'episodio a bordo campo e alla revoca del penalty inizialmente assegnato. Poteva farlo? Evidentemente, da protocollo, deve aver valutato come grave errore da parte di Doveri non essersi accorto della (presunta) simulazione di Viola (che l'arbitro avrebbe dovuto ammonire).

Il rigore? Le immagini dicono quello che hanno visto in tutta Italia, tranne Mazzoleni – le parole durissime del massimo dirigente dei sanniti nell'intervento in diretta Tv a Sky -. Mi sono arrivati tantissimi messaggi, anche da Napoli… dicevano tutti la stessa cosa: quando vogliono ammazzare una squadra del Sud, c’è Mazzoleni al Var. Anche nel primo tempo ci è stato fischiato un fuorigioco inesistente e c'era pure un altro rigore su Caprari.

La sconfitta è quasi una sentenza per il Benevento che resta inchiodato alla terzultima posizione a quota 31 staccato di 5 punti dal Genoa, 4 punti dai sardi e dal Torino (che ha pareggiato a Verona) e a-33 dallo Spezia (quartultimo e battuto in casa dal Napoli).

Contatto tra Asamoah e Viola, Var decisivo: rigore annullato

Cosa è successo? In seguito a un contatto tra Asamoah e Viola (che avviene all'altezza del vertice sinistro dell'area di rigore dei sardi), Doveri fischia la massima punizione per i campani. Dalle immagini e, più ancora, dal frame incriminato si nota come il centrocampista sardo, nel tentativo di ostacolare il movimento dell'avversario, allunghi la gamba sinistra e scivolando urti con il ginocchio contro quello di Viola. Sbilanciato, cade in area. È rigore? Così sembra.

La gioia dei padroni di casa durerà poco, il conciliabolo tra campo e sala VAR è un brutto presagio per i giallorossi che trattengono il fiato quando il direttore di gara si reca al monitor della moviola. L'esito è ferale, beffardo e scatena la rabbia del Benevento.

Tutta l'Italia tranne Mazzoleni hanno visto che era rigore – aggiunge Vigorito -. Il signor Mazzoleni, col culo su una panchina, non sa neanche guardare la televisione. Questi signori se ne devono andare dal calcio. È una vergogna quello che è successo, adesso mi mandassero dove vogliono. Il mio non è uno sfogo ma una denuncia. Non so neanche se rimarrò nel mondo del calcio.