Milan-Juventus si giocherà al 99,99%. L'assessore regionale all'emergenza Covid-19 del Piemonte, Matteo Marnati è stato categorico spegnendo le voci di un possibile rinvio del match nate in seguito alle dichiarazioni dell'Asl di Torino che aveva lasciato aperta l'ipotesi di bloccare la formazione bianconera prima della partenza per Milano se dopo i due casi di positività al coronavirus (Alex Sandro e Juan Cuadrado) ve ne dovessero sorgere altri.

Marnati ha infatti parlato del possibile rinvio di Milan-Juventus a Telelombardia: “La partita si giocherà. Ho sentito il direttore generale dell’Asl di Torino e non è stata presa nessuna decisione. Se non ci saranno gravità, l’Asl non interverrà: al 99,99% il match si disputerà – ha infatti dichiarato l'assessore Covid-19 della Regione Piemonte intervenuto durante la trasmissione “Qui Studio a Voi Stadio”  –. In questo momento non c’è un’emergenza tale da far intervenire l’Asl. Dispiace per i due positivi, ma non c’è bisogno di un intervento sanitario.

Le parole dell’Asl? Credo che il messaggio iniziale sia stato frainteso – ha poi proseguito –. Da un punto di vista sanitario la situazione non si può definire grave. Siamo abituati a gestire nel mondo del calcio un simile numero di contagi. Evidenza di un focolaio? Ho sentito l’Asl di Torino e non c’è nessuna gravità. Non saremo noi a bloccare la partita e posso rassicurare tutti" ha infine concluso Marnati chiudendo di fatto ad un possibile intervento dell'Asl di Torino per fermare la partenza della squadra bianconera per Milano dove domani affronterà la capolista Milan senza i suoi due esterni Alex Sandro e Juan Cuadrado. E non è da escludere che nei due giri di tamponi cui si sottoporrà domani l'intero gruppo-squadra non arrivino altre brutte notizie per il tecnico Andrea Pirlo.