25 Agosto 2021
21:37

La prossima sfida di Guardiola: “Dopo il City ho voglia di allenare una nazionale”

Pep Guardiola non si pone limiti e annuncia il suo addio al Manchester City alla scadenza naturale del contratto. Non teme l’alea e scommette ancora una volta su stesso. Lo ha fatto quando ha lasciato il Barça per Monaco di Baviera e poi la Germania per l’Inghilterra. “Mi piacerebbe allenare agli Europei, in Copa America o al Mondiale”.
A cura di Maurizio De Santis

Allenare una nazionale dopo aver chiuso la propria esperienza al Manchester City. Il contratto di Pep Guardiola scade nel 2023, il tecnico catalano ha fissato per quella data la dead-line della sua esperienza alla guida di una squadra di club. Ha bisogno di nuovi stimoli, altri palcoscenici, ulteriori imprese da compiere e aggiungere nel proprio curriculum di tecnico che ha vinto tutto. O quasi.

Gli manca ancora qualcosa: prendere le redini di una selezione, dalla scelta alla gestione dei calciatori fino al lavoro tattico e alle partite, e poi presentarsi alla sfida del campo in uno dei tornei internazionali. È questa la prossima tacca da vergare sul muro: la va o la spacca, è abituato a imprese del genere. Sa come si regge la pressione, conosce alla perfezione tutti i meccanismi dall'interno e sa quanto le regole del gioco possano essere spietate. Non teme l'alea e scommette ancora una volta su stesso. Lo ha fatto quando ha lasciato il Barça per Monaco di Baviera e poi la Germania per l'Inghilterra dove è riuscito a predicare il suo calcio nonostante i ritmi e le caratteristiche differenti al di là della Manica.

Guardiola dà l'annuncio ufficiale in un consesso particolare, quale ospite della compagnia brasiliana XP Investimento. Tra due stagioni dirà addio alla Premier e all'avventura al timone dei Citizens che gli ha riservato tonfi e trionfi, gloria e qualche rimpianto. È pronto a compiere il prossimo passo, ne scandisce i tempi e i termini senza alcun timore.

Il prossimo passo della mia carriera sarà una nazionale – ammette l'ex allenatore di Barcellona e Bayern Monaco -. Ma non lo farò subito… prima, dopo sette anni al Manchester City, dovrò riposarmi un po'. Mi servirà del tempo per stare tranquillo e soprattutto mettermi a studiare.

Apprenderà cose nuove perché non si smette mai di imparare. Traccerà il percorso e lo aprirà dinanzi a sé a mo' di esploratore senza porsi alcun limite e mettendo nel mirino un obiettivo in particolare. "Mi piacerebbe allenare agli Europei, in Copa America o al Mondiale". Non adesso, non ancora. Intanto ci riflette ancora un po' e tenta l'ultima impresa alla guida del Manchester.

Brendan Rodgers dice no al Newcastle: "Sostituirà Guardiola al Manchester City"
Brendan Rodgers dice no al Newcastle: "Sostituirà Guardiola al Manchester City"
Guardiola impazzisce in panchina in Liverpool-Manchester City: "Sconcertante"
Guardiola impazzisce in panchina in Liverpool-Manchester City: "Sconcertante"
Dele Alli ha perso la testa per la figlia di Guardiola: la passione supera la rivalità Spurs-City
Dele Alli ha perso la testa per la figlia di Guardiola: la passione supera la rivalità Spurs-City
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni