9 Novembre 2021
7:55

La dura critica di Adani ad Allegri: “Gioco della Juve non all’altezza della grandezza del club”

La Juve ha battuto la Fiorentina e ha vinto una gara importante per restare attaccata al treno di testa ma la prestazione dei bianconeri è finita sotto la lente d’ingrandimento. Alla BoboTV Daniele Adani ha commentato così il momento della Vecchia Signora: “Oggi il gioco della Juventus non è all’altezza della grandezza della storia del club”.
A cura di Vito Lamorte

La Juventus ha battuto la Fiorentina nel turno prima della sosta per gli impegni delle nazionali e ha dato seguito alla bella vittoria in Champions League, che è valsa già il pass per gli ottavi di finale. I bianconeri, però, non sono stati protagonisti di una prestazione come quella contro lo Zenit e hanno avuto la meglio sulla Viola solo nel finale, quando i toscani sono rimasti in inferiorità numerica. La prova della Vecchia Signora ha aperto il solito dibattito intorno alla qualità inespressa della Juve in relazione ai calciatori che ha in rosa e tra loro i tanti opinionisti che hanno espresso il loro punto di vista c'è Daniele Adani, che è intervenuto alla Bobo TV su Twitch sul momento della squadra bianconera: "Io spero ancora in un miglioramento della Juventus perché è la comunità più grande d’Italia. Che possa ispirare col suo gioco i propri tifosi. Perché oggi il gioco della Juventus non è all’altezza della grandezza della storia del club. Perché non può bastare una vittoria per 1-0 al 91’ su un tiro deviato".

L'attuale commentatore di 90° Minuto ed ex calciatore di Inter, Fiorentina e Brescia ha voluto sottolineare come la rosa bianconera non sia così ‘mediocre' come viene sottolineato da diverse settimane e ha ottenuto già la qualificazione per il turno successivo della Champions. Inoltre l'ex calciatore ha puntato ancora una volta il dito contro Massimiliano Allegri per il modo in cui analizza i problemi della sua squadra e come li comunica al grande pubblico: "Tra le 32 squadre in Champions, chi ha vinto 4 partite su 4? Ajax, Liverpool e Bayern Monaco oltre alla Juventus. Allora la rosa della Juventus non è scarsa. ten Hag, Nagelsmann e Klopp hanno mai detto che servono più contrasti? Non mi pare. Cos'è, un'allusione? Io studio il loro calcio e il loro modo di comunicare, se tu fai controcultura, come possiamo far passare buona una partita non buona? Max deve risolvere i problemi, se gli è stata riconosciuta una forza così forte di mandato ci sarà un motivo. Spero ancora in un suo miglioramento, la Juve è la comunità con più tifosi in Italia. Chi parla di bel gioco, dice stupidate. Si tratta di gioco. Punto. Se l'idea è "arrangiatevi", non faremo mai passare questo come idea buona. Non è cultura, non è rispetto. Noi non appoggiamo ‘arrangiatevi', mi spiace".

Infine Adani fa un confronto tra il derby di Milano e Inter-Juventus di qualche settimana fa: "Il derby è stato uno spot per il calcio a differenza di Inter-Juventus per colpa di entrambe le squadre. Si è visto ritmo e qualità, che possono convincere qualcuno anche a dire: ‘Ok, al ritorno vado a Milano a vedere la partita’. Faccio fatica a dire quale squadra avrebbe meritato di più anche se l’Inter ha avuto una proiezione offensiva maggiore".

La feroce critica dell'ex stronca la Juve: "Morata non è un killer e Kean ha dei limiti"
La feroce critica dell'ex stronca la Juve: "Morata non è un killer e Kean ha dei limiti"
La Juve apre per Morata al Barcellona ma chiude a Depay: Allegri ha un'idea precisa
La Juve apre per Morata al Barcellona ma chiude a Depay: Allegri ha un'idea precisa
La Juve e Allegri blindano Morata, ma il Barcellona non molla: ha un piano ben preciso
La Juve e Allegri blindano Morata, ma il Barcellona non molla: ha un piano ben preciso
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni