372 CONDIVISIONI

La decisione dell’AIA sull’arbitro Massa dopo Napoli-Inter: gli hanno messo un voto altissimo

La valutazione della direzione di gara fatta dai vertici arbitrali è stata molto positiva nonostante i due episodi molto discussi: i contatti Lautaro-Lobotka e Acerbi-Osimhen.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Sport Fanpage.it
A cura di Maurizio De Santis
372 CONDIVISIONI
Il direttore di gara di Napoli-Inter, Massa, criticato per la valutazione di alcuni episodi.
Il direttore di gara di Napoli-Inter, Massa, criticato per la valutazione di alcuni episodi.

Promosso a pieni voti. Non il massimo, ma la valutazione che i vertici dell'Aia ha fatto dell'arbitro Massa di NapoliInter è stata molto alta. La sua direzione di gara ha riscosso consensi nonostante le polemiche furenti per i due episodi più discussi: dal faccia a faccia nel tunnel del Maradona fino agli accenti di De Laurentiis preceduto dallo sfogo del direttore sportivo, Meluso, in tv. Mazzarri preferì tacere, temendo che l'adrenalina e la rabbia potessero fargli dire cose spiacevoli e passibili di squalifica. Massa non sarà fermato ma forse per un po' non sarà più designato per le sfide dei partenopei.

La trattenuta di Lautaro Martinez su Lobotka nell'azione che ha portato al gol del vantaggi di Calhanoglu, il contatto in area tra Acerbi e Osimhen sono le ombre sulla prestazione del fischietto di Imperia e del Var (Marini) che o non l'ha coadiuvato abbastanza o è apparso troppo timido, quasi in soggezione rispetto allo status di internazionale. È il giudizio che, a caldo, è stato dato rispetto a quanto accaduto nel posticipo che ha di fatto scucito lo scudetto dalla maglia del Napoli e rilanciato la squadra di Inzaghi nella corsa al titolo.

Lautaro Martinez cintura il centrocampista del Napoli ma per l'arbitro Massa non c'è alcuna scorrettezza.
Lautaro Martinez cintura il centrocampista del Napoli ma per l'arbitro Massa non c'è alcuna scorrettezza.

"Mezzo errore", le voci di dentro raccontano sia stata invece questa la sbavatura attribuita a Massa relativamente al primo caso da moviola (contatto tra attaccante e centrocampista). E nient'altro. Ecco perché, in buona sostanza, la disamina del suo operato è stata positiva, totalmente differente rispetto alla percezione che s'è avuta dalle tv.

Uno dei più severi nei confronti dell'arbitro ligure è stato proprio un ex collega, Graziano Cesari, che nel rivedere le azioni alla moviola spiega: "Non vede il braccio di Lautaro che cinge l'anca di Lobotka e cade sul tallone del centrocampista – dice durante Pressing su Mediaset -. Ci sono due errori: l'arbitro non può girarsi e non vedere il contatto di gioco, il mancato intervento del Var. Su Acerbi-Osimhen Massa dice che non c'è nulla… ma Acerbi prima dà un'ancata e poi c'è un contrasto basso coi piedi. Il Var poteva intervenire, per me era calcio di rigore. Do 4 a Massa e 3 a Marini, che invece di aiutarlo l'ha mandato a picco".

Il contatto tra Acerbi e Osimhen per il quale il Napoli chiedeva un calcio di rigore.
Il contatto tra Acerbi e Osimhen per il quale il Napoli chiedeva un calcio di rigore.

Massa ha un altro precedente con l'Inter: il riferimento è alla partita giocata all'Olimpico con il Torino a marzo 2022. Allora era al Var e il designatore Rocchi bollò come "poco accurata" ed "errore grave" la sua ricerca delle immagini sul contatto tra Ranocchia e Belotti non visto in campo dall'arbitro Guida. Nel dialogo diffuso col la cabina di regia emerse lo sconcertante "palla poi piede" che fu la prova della valutazione superficiale fatta di quell'azione.

372 CONDIVISIONI
Perché l'arbitro Orsato non viene più scelto per arbitrare Inter-Juventus
Perché l'arbitro Orsato non viene più scelto per arbitrare Inter-Juventus
Perché l'arbitro Maresca ha stretto la mano a Barella: la stucchevole bufala del complotto
Perché l'arbitro Maresca ha stretto la mano a Barella: la stucchevole bufala del complotto
Perché l'arbitro Doveri di Lecce-Inter è cambiato a partita in corso: cosa è successo nello spogliatoio
Perché l'arbitro Doveri di Lecce-Inter è cambiato a partita in corso: cosa è successo nello spogliatoio
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views