1.053 CONDIVISIONI
1 Agosto 2022
17:46

Koulibaly chiama Terry, è quasi imbarazzato: “Posso prendere il numero 26?”. E lui si scioglie

La grande umiltà di Kalidou Koulibaly: telefona all’ex calciatore e bandiera del Chelsea, John Terry, per chiedergli un permesso speciale. Mai avrebbe indossato il suo numero di maglia senza il suo assenso. La conversazione dice tutto sulla personalità del senegalese.
A cura di Maurizio De Santis
1.053 CONDIVISIONI
Koulibaly telefona a Terry e gli chiede il permesso di indossare la maglia numero 26 al Chelsea.
Koulibaly telefona a Terry e gli chiede il permesso di indossare la maglia numero 26 al Chelsea.

Ventisei era il numero di maglia che ha avuto per anni a Napoli. Ventisei è quello che ha visto Kalidou Koulibaly in campo con il Chelsea nella prime uscite ufficiali in Blues. Quella cifra lo accompagnerà nel corso della nuova avventura ma prima di farla propria ha voluto chiedere un permesso speciale.

Questione di sfumature e di una scelta dietro la quale c'è tutta la grande personalità del centrale senegalese arrivato a Londra nelle settimane scorse, presentandosi alla sua maniera: in punta di piedi, con umiltà, pronto a lavorare duro agli ordini di Tuchel (che lo ha subito elogiato), con l'ambizione di lottare per traguardi importanti e vincere.

I partenopei lo avrebbero ancora voluto in squadra, offrendogli perfino la fascia di capitano e un contratto a condizioni economiche che a nessun altro sarebbero state messe sul piatto. KK ha considerato finita la sua esperienza in azzurro ed è volato verso la Premier e l'Inghilterra dopo aver rivolto un saluto carico di affetto sincero alla città.

Il Napoli ha ceduto Kalidou Koulibaly al Chelsea in questa sessione di calciomercato.
Il Napoli ha ceduto Kalidou Koulibaly al Chelsea in questa sessione di calciomercato.

Lì ha ritrovato un ‘vecchio' compagno d'arme: Jorginho, il centrocampista della Nazionale italiana che era una delle pedine più importanti della squadra e della grande bellezza di Maurizio Sarri. Un piede nel passato e un altro nel futuro, sulle spalle quel 26 che mai avrebbe preso senza aver ricevuto un benestare speciale.

Con un video condiviso sui social network Koulibaly ha raccontato il contenuto della telefonata fatta a John Terry. Il dialogo e l'espressione del senegalese mostrano imbarazzo e riverenza nei confronti di una bandiera, un'icona del Chelsea.

Il Chelsea non ha mai ritirato la maglia numero 26 di Terry ma dal 2017 nessun calciatore l’ha più indossata. Adesso può farlo Koulibaly grazie al permesso ’speciale’ concessogli dall’ex difensore dei Blues e della nazionale dei Tre Leoni.
Il Chelsea non ha mai ritirato la maglia numero 26 di Terry ma dal 2017 nessun calciatore l’ha più indossata. Adesso può farlo Koulibaly grazie al permesso ’speciale’ concessogli dall’ex difensore dei Blues e della nazionale dei Tre Leoni.

Fino al 2017 quella maglia è stata dell'ex calciatore dei Blues (715 presenze) e dei Tre Leoni. E da allora, da quando ha lasciato il club, mai nessuno l'ha presa nonostante il club non l'abbia ufficialmente ritirata. A 41 anni Terry è rimasto nel suo ambiente, lavora nelle giovanili. A lui Koulibaly si rivolge con grande rispetto come si evince dalla chiamata al cellulare.

Koulibaly: "Scusami per come mi esprimo in inglese, proverò a fare il massimo. John, voglio chiederti una cosa. Come sai al Napoli avevo il numero 26. Da quando hai lasciato il Chelsea nessuno ha mai preso quella maglia, non so se per scelta o perché è stata ritirata. Vorrei chiederti se potevo prenderla".

Terry: "Sì, il numero 26 è molto speciale per me e apprezzo davvero il tuo gesto. Non c’è nessun problema, è un piacere che tu lo prenda. Ti auguro che il 26 possa darti quello che ha dato a me".

Koulibaly: "Grazie mille, davvero. È una maglia pesante ma farò del mio meglio".

1.053 CONDIVISIONI
Chi è Graham Potter, il
Chi è Graham Potter, il "Mago" scelto dal Chelsea che fa studiare i propri calciatori
Tuchel esasperato da una domanda su Cristiano Ronaldo: così è iniziata la rottura con il Chelsea
Tuchel esasperato da una domanda su Cristiano Ronaldo: così è iniziata la rottura con il Chelsea
La confessione di Rudiger:
La confessione di Rudiger: "Quando giocavo con il Chelsea capitava che sbagliavo apposta"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni