245 CONDIVISIONI

Italiano alza la voce contro Beltran e Nzola: “Se subiscono la pressione allora non possono giocare”

Vincenzo Italiano inizia a perdere la pazienza contro la sterilità dei suoi attaccanti. Beltran e Nzola non riescono a sfruttare le tante occasioni da gol e l’allenatore viola avverte: “Se avvertono la pressione allora non posso farli giocare”.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Sport Fanpage.it
A cura di Fabrizio Rinelli
245 CONDIVISIONI
Immagine

Vincenzo Italiano non si dà pace dopo la sconfitta contro il Milan a San Siro. Il punteggio finale di 1-0 in favore dei rossoneri lascia deluso il tecnico della viola che si aspettava qualcosina in più. Non dalla squadra, ma soprattutto dall'attacco. Dopo l'addio di Vlahovic la Fiorentina sembra non essere ancora riuscita a trovare un vero bomber d'area di rigore. Dagli studi di DAZN muovono questa osservazione nei confronti di Italiano che il tecnico della viola coglie al volo togliendosi anche qualche sassolino.

Alza la voce l'allenatore della Fiorentina e coglie al volo l'assist di Marco Parolo. Prima Jovic e Cabral, ora Beltran e Nzola. La Fiorentina costruisce tanto ma fa fatica a fare gol. È questa la riflessione che si fa e che viene portata a Italiano. "Se ti manca quella cattiveria di andare a spaccare la porta, allora significa che forse le troppe critiche e ansia stiano pesando sulla testa di Beltran e Nzola?". La domanda di Parolo è chiara così com'è altrettanto chiara la risposta di Italiano: "Marco, se è così allora non bisogna più farli giocare".

Beltran marcato da Thiaw.
Beltran marcato da Thiaw.

Italiano inizia a perdere la pazienza. Lo scarso rendimento realizzativo dei due attaccanti della Fiorentina sta pesando molto sui risultati della viola. La Fiorentina anche questa sera ha costruito tanto ma finalizza poco: "Se non riescono più a reagire a livello ambientale e diventa un problema di testa, allora è irreparabile – spiega Italiano – Io sono convinto che a livello individuale qualche domanda dobbiamo farcela lì davanti in una partita del genere. Lì non riusciamo a fare gol".

L'allenatore della viola a questo punto perde la pazienza: "Se fosse capitato a me e ai miei compagni quando giocavo di sicuro in questo momento oltre ad essere arrabbiato forse c'era anche dell'altro – continua Italiano – Io in questi anni che sono alla Fiorentina vedo che dopo tutto quello che si produce non si riesce a metterla dentro – conclude il tecnico della squadra toscana – Noi in questo frangente non siamo decisivi, ma dobbiamo trovare soluzioni perché è un peccato".

245 CONDIVISIONI
Commisso alza la voce e chiede chiarimenti alla Serie A: "Ci sono club indebitati fino al collo"
Commisso alza la voce e chiede chiarimenti alla Serie A: "Ci sono club indebitati fino al collo"
Balzaretti furioso per il gol annullato a Lucca: "Se questo è fallo allora non si può più giocare"
Balzaretti furioso per il gol annullato a Lucca: "Se questo è fallo allora non si può più giocare"
Perché il contatto Okoye-Milik non è da rigore e Sommer-Nzola sì: "C'è una differenza"
Perché il contatto Okoye-Milik non è da rigore e Sommer-Nzola sì: "C'è una differenza"
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views