Era già successo nel 2014, durante i quarti di finale di Europa League, è capitato nuovamente nei minuti finali dell'ottavo di Champions che si è giocato al ‘Groupama Stadium'. Lione-Juventus è infatti stata ancora una volta interrotta da un invasore di campo: un tifoso che al 95esimo e con i bianconeri lanciati nell'ultimo salto finale, ha pensato bene di entrare sul terreno di gioco e avvicinare Cristiano Ronaldo.

La reazione del cinque volte Pallone d'Oro non è però stata questa volta conciliante. Il portoghese ha infatti allontanato in malo modo l'invasore e si è rivolto all'arbitro chiedendo un supplemento di recupero: extra time che il direttore di gara ha accordato, ma che non è servito alla formazione di Maurizio Sarri per trovare il pareggio finale.

I precedenti ‘incontri' di CR7

Non è dunque la prima volta che a Lione va in scena un fuori programma di questo genere (nell'aprile 2017 ci furono anche dei violenti disordini in occasione del quarto di Europa League contro il Besiktas), così come non è la prima volta che un tifoso tenta (o riesce) ad avvicinare Cristiano Ronaldo. Nella scorsa estate fu un ragazzino di 14 anni a scavalcare ed entrare sull'erba dello stadio di Singapore (durante Juventus-Tottenham di ICC), per fare un selfie con CR7.

Qualche mese prima, esattamente a gennaio, il protagonista dell'insolita corsa in campo è stato invece Mario Ferri: un italiano che era volato a Gedda per seguire dal vivo la finale di Supercoppa Italiana tra la Juventus e il Milan. In quell'occasione, dopo aver evitato la sorveglianza degli steward, l'uomo era riuscito a vedere da vicino il campione portoghese (senza riuscire a scattarsi una foto insieme a lui) e a scambiare un ‘cinque' con l'ex rossonero Bakayoko.