Inter-Sampdoria prima di Juventus-Inter. Nella lettera che il club nerazzurro ha spedito alla Lega di Serie A c'è una richiesta specifica sul rispetto della consecuzione temporale degli eventi. Il documento firmato dall'amministratore delegato, Giuseppe Marotta, ha un'indicazione chiarissima e arriva a 24 ore di distanza dall'attacco frontale del presidente, Stevan Zhang, nei confronti del numero uno, Paolo Dal Pino. "Pagliaccio, vergognati", ha scritto in una story su Instagram. Parole che hanno spinto la Procura Federale ad aprire un'indagine sul massimo dirigente che adesso rischia sanzioni pesanti.

La lettera dell'Inter alla Lega di Serie A, i punti fondamentali

Il tono della missiva non è certo lo stesso ma gli accenti sono tutt'altro che concilianti e lasciano bene intendere quale sarà il clima in Consiglio mercoledì, quando si discuterà la proposta delle ultime ore e si passerà alla votazione della modifica in calendario che l'Inter definisce "neppure valutabile atteso che non è completa" perché non indica ancora quando si potrà giocare la sfida con i liguri. Il documento è stato inviato anche alle altre 19 società di Serie A direttamente chiamate in causa affinché esprimano la loro opinione sulla questione "anche a tutela di un principio che dovrebbe evidentemente valere per tutti".

  • La posizione è molto chiara. L'Inter vuole recuperare prima la partita con la Sampdoria che in ordine di tempo era in calendario per il 23 febbraio (25sima giornata) poi quella con la Juventus, in programma per la 26sima giornata. "Nel prossimo weekend si giochi il turno di campionato come previsto dal sorteggio".
  • Il richiamo al rispetto delle norme. Nella lettera si fa specifico riferimento anche alle prescrizioni dell'ordinamento sportivo. Un richiamo che costituisce un altro passaggio importante della lettera perché nel caso il presidente della Lega, Paolo Dal Pino, "ritenesse di dover far slittare tale turno di campionato per consentire il recupero di gare già rinviate, che si proceda al recupero delle gare rinviate per prime in ordine di tempo, unica ipotesi, quest'ultima, legittima ai sensi delle norme di Lega e Federazione che governano l'ordinamento sportivo".
  • Pronto il ricorso. Ultimo passaggio della missiva dedicato alla volontà da parte dell'Inter di tutelare se stessa e i propri tesserati in tutte le sedi al netto delle decisioni che verranno prese in Lega. Il club "si riserva ogni azione e/o iniziativa qualora fossero prese decisioni in violazione delle norme regolamentari sportive e federali ovvero tali da determinare un danno in capo alla società e/o alla salute dei propri dipendenti e tesserati".