Zlatan Ibrahimovic in campo dal primo minuto è stata la prima grande notizia del 2021 di Pioli. Il Milan riabbraccia il suo top player che era stato assente da quasi 2 mesi dopo quell'infortunio contro il Napoli allo ‘Stadio Maradona' che ha fermato la corsa dello svedese. Il tecnico dei rossoneri ha voluto capire le reali condizioni dell'attaccante che in 45′ ha fatto vedere buone cose nonostante non sia ancora al massimo della condizione. Ha avuto qualche buona occasione, si è mosso, ma non ha inciso. Del tutto normale dopo ben 51 giorni di assenza per infortunio.

Pioli ha ritrovato il suo campione, il leader indiscusso di questa squadra che anche grazie alla sua classe ed esperienza, ha ritrovato entusiasmo e voglia di vincere come non accadeva ormai da anni. Contro il Cagliari si prospetta il ritorno in campo anche in campionato con il tecnico dei rossoneri che proverà a comporre l'attacco titolarissimo con il recupero anche di Hakan Calhanoglu dopo gli acciacchi, per una botta alla caviglia, nel post Juventus.

La partita di Ibrahimovic contro il Torino nel suo ritorno da titolare

In una partita chiusa, ma aperta a diverse occasioni per il Milan, Zlatan Ibrahimovic non è riuscito a trovare il guizzo vincente che tutti si aspettavano. Ci si auspicava che potesse anche tornare al gol per mettere la ciliegina sulla torta dopo il suo ritorno in campo dal 1′, ma in questo momento bisogna aspettare. Lo svedese ha tirato solo 1 volta in porta nell'unica occasione creata. Nei primi 45′ Ibrahimovic ha anche toccato 19 palloni, indice di come la squadra punti molto sulle sue giocate.

Ben 15 sono stati invece i passaggi con una precisione del 66,7%. Nel secondo tempo, spazio a Calhanoglu con Leao punta ma con tanti buoni segnali per Pioli in vista della sfida contro il Cagliari in campionato in cui si candida alla maglia da titolare. Era molto importante capire come stesse davvero Ibrahimovic perché la società in questi giorni sta pensando di rinforzare la rosa a gennaio anche con un'altra punta. Il nome di Leonardo Pavoletti è quello che più di tutti stuzzica la dirigenza che vorrebbe prendere un giocatore capace di poter sostituire un eventuale stop dello svedese.

Impossibile trovare un profilo come quello di Ibrahimovic, è chiaro, ma quantomeno un giocatore di esperienza, che conosca il campionato e che possa consentire a Pioli di far girare la squadra allo stesso modo grazie alla presenza di una punta di ruolo là davanti. Ma per il momento il Milan si gode il ritorno in campo da titolare di Ibrahimovic che rappresenta davvero il ‘primo acquisto' del mercato di gennaio in questo 2021.