324 CONDIVISIONI
26 Maggio 2022
8:25

Il gesto di Mourinho a mano aperta, dietro quel “cinque” c’è un significato speciale

La Roma ha vinto la Conference League, la prima reazione di José Mourinho è stata un’esultanza particolare: ha mostrato a più riprese, anche al momento della premiazione, la mano aperta a indicare il numero cinque che per lui ha un valore speciale.
A cura di Maurizio De Santis
324 CONDIVISIONI
José Mourinho fa il segno del cinque, come il numero dei trofei vinti nelle Coppe. La Conference League e l’ultimo della serie dopo 2 Champions, 1 Europa League e 1 Coppa Uefa.
José Mourinho fa il segno del cinque, come il numero dei trofei vinti nelle Coppe. La Conference League e l’ultimo della serie dopo 2 Champions, 1 Europa League e 1 Coppa Uefa.

Gimme five, dammi il cinque! José Mourinho apre la mano, la agita in cielo ed esulta. È la sua riffa dei trofei conquistati in Europa. Ha giocato e vinto cinque finali, l'ultima della carriera è la Conference League conquistata con la Roma a Tirana battendo il Feyenoord alla sua maniera: coraggio, grinta, sofferenza e quel pizzico di benevolenza del fato che pure aiuta. Coppa Uefa e Champions League con il Porto, l'impresa titanica all'Inter culminata con la Coppa dalle grandi orecchie alzata in quel 2010 leggendario (da allora un club italiano non ha mai più sollevato un trofeo al di là delle Alpi fino a mercoledì sera) poi l'Europa League con il Manchester United. Dalle nostre parti ci era riuscito Giovanni Trapattoni, adesso c'è anche il manager portoghese.

I ferri del mestiere sono noti, lui ci aggiunge un tocco di magia che è anche malìa, trasformando un successo piccolo, piccolo (una coppetta, secondo le ciarle delle malelingue) in un evento straordinario, tale da riempire lo stadio Olimpico come non si era mai visto (come nel quarto di finale contro i "salmonari" del Bodo oppure il Leicester), ricompattare il popolo di tifosi intorno alla squadra, rinfocolare quella passione sportiva che s'era smorzata nel corso di anni grami e deludenti per i giallorossi.

Special One, The Only One, Mr Club… ovunque è stato lo hanno chiamato in molti modi. Nella Capitale è rimasto semplicemente se stesso: Mourinho ha preso in mano la Roma, ha rimesso assieme i cocci, ha trasmesso (e ricevuto) empatia mostrando che ci si può ancora sinceramente emozionare"La Conference League è una competizione che abbiamo avuto la sensazione di poter vincere fin dall'inizio – ha ammesso in tv -. È stata una competizione che è divenuta più forte quando sono arrivate le squadre di Europa League come Leicester City, Olympique Marsiglia e Feyenoord".

La soddisfazione del tecnico portoghese che solleva la coppa della Conference League.
La soddisfazione del tecnico portoghese che solleva la coppa della Conference League.

Ma questo è solo un punto di partenza, lo chiarisce a margine dell'euforia che lo ha sommerso per il trionfo, lanciando un messaggio molto chiaro alla proprietà americana. "Voglio restare a Roma, non mi interessano le voci sul mio conto – ha aggiunto -. Voglio capire quali sono le intenzioni del club per la prossima stagione e definire le direzioni. Però non mi interessa qualsiasi cosa che uscirà. La coppa vinta con il Feyenoord resterà nella storia della Roma e nella mia. Ora vado in vacanza e me la godo".

 
324 CONDIVISIONI
Roma-Nizza dove vederla in diretta TV e live streaming: orario dell'amichevole
Roma-Nizza dove vederla in diretta TV e live streaming: orario dell'amichevole
Il calciatore che ha brutalmente aggredito l'arbitra resta in carcere:
Il calciatore che ha brutalmente aggredito l'arbitra resta in carcere: "Lo spingono a suicidarsi"
Pogacar stregato da Vingegaard, quel gesto è l'immagine del suo Tour:
Pogacar stregato da Vingegaard, quel gesto è l'immagine del suo Tour: "Ha vinto il migliore"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni