A Patrik Schick la qualità non manca, e lo sta dimostrando. L'attaccante della Repubblica Ceca, ex Roma, si sta riprendendo dal periodo di appannamento che aveva vissuto nella Capitale e da quando ha smesso la casacca giallorossa e indossato quella del Lipsia e ora quella Bayer Leverkusen le cose sembrano andare molto meglio. Schick ieri ha realizzato un bellissimo gol contro i campioni di Germania e d'Europa in carica del Bayern Monaco ma il suo grandissimo gesto tecnico non è bastato per battere, o non perdere, contro i bavaresi. L'attaccante delle Aspirine ha bucato Manuel Neuer dopo 14′ dall'inizio del match con uno splendido tiro al volo su cross dalla destra di Amiri dopo aver fatto pochi passi all'interno dell'area di rigore avversaria: un mix di coordinazione e potenza sul quale nemmeno il portiere più forte del mondo ha potuto nulla.

Questo classe 1996 alla Sampdoria si era messo in mostra per le sue grandi qualità in zona gol ma il trasferimento alla Roma non ha avuto gli effetti che la società capitolina sperava. In Germania sembra aver ritrovato lo smalto dei tempi in blucerchiato dopo le due stagioni in giallorosso con 58 presenze e 8 reti totali. Lo scorso anno a Lipsia il ceco è andato in gol 10 volte in 28 apparizioni mentre in questa prima parte di annata col Bayer sono 6 le reti in 13 presenze.

Questo magnifico gol di Schick non è bastato alla squadra di Peter Bosz di avere la meglio sul Bayern Monaco: una doppietta di Robert Lewandowski, un gol sul finire del primo tempo e un altro nei minuti di recupero finali, hanno permesso alla corazzata di Hansi Flick di uscire con i 3 punti anche dalla BayArena e volare in testa alla classifica della Bundesliga. L'attaccante polacco ha festeggiato il titolo di miglior giocatore dell'anno 2020 ricevuto ai FIFA Awards prima approfittando di una indecisione del portiere Hradecky e poi ha trovato una deviazione decisiva su una conclusione da posizione decentrata che ha per suggellato il definitivo sorpasso.