276 CONDIVISIONI
12 Giugno 2021
23:36

Il disagio e le lacrime della Danimarca per Eriksen: “Non si può giocare una partita così”

Kasper Hjulmand è il commissario tecnico della Danimarca: negli occhi ha ancora le immagini terribili di Eriksen che ha rischiato di morire in campo. E non le dimenticherà mai. “È stata una serata davvero difficile che ci ha ricordato ancora una volta quali sono le cose più importanti nella vita”.
A cura di Maurizio De Santis
276 CONDIVISIONI

Christian Eriksen è fuori pericolo, ricoverato in ospedale dopo aver rischiato di morire in campo. Ha avuto un malore improvviso, s'è accasciato al suolo, crollato in campo sotto gli occhi increduli, impauriti dei compagni di squadra e del pubblico. Nello stadio ammutolito, silenzioso, impietrito per l'angoscia rimbombavano le voci dei calciatori, il fischio dell'arbitro rivolto verso la panchina della Danimarca per chiamare soccorsi.

Potevi sentire ogni cosa: il pianto dei compagni di squadra, la voce rotta dalla disperazione della moglie accorsa sul rettangolo verde, la concitazione di Kjaer che assieme a Schmeichel si assicura che il compagni non resti soffocato e poi stringe la donna in un abbraccio, per tenerla lontana e provare a rassicurarla. Quando il centrocampista scandinavo esce in barella, cosciente e con la mano poggiata sulla fronte, il peggio sembra passato e la speranza si fa largo.

Poco dopo arriveranno notizie confortanti dai medici e la richiesta da parte dello stesso giocatore affinché la nazionale torni in campo e giochi. Così sarà e poco importa del rigore sbagliato e della sconfitta. La vera vittoria è sapere che la vita di Eriksen è salva.

Avevamo due opzioni per giocare la partita – ha ammesso Kasper Hjulmand, ct della Danimarca -. L'una era andare in campo qualche ora dopo quello che era accaduto. L'altra posticipare l'incontro alle 12 di domenica. Tutti hanno deciso di giocare anche se è stato difficile considerate le condizioni emotive e la situazione. Abbiamo cercato di vincere. È stato incredibile che i ragazzi siano riusciti ad andare in campo

Kasper Hjulmand negli occhi ha ancora le immagini terribili di Eriksen caduto come un sasso e steso sul prato con la faccia per terra. Ricorda tutto, ogni dettaglio raccapricciante, come se la sequenza videoclip gli scorresse al replay dinanzi a sé. Vede i calciatori disperati ma composti a fare da scudo al compagno. E sente come se gli stringessero il cuore.

È stata una serata davvero difficile che ci ha ricordato ancora una volta quali sono le cose più importanti nella vita. Gli affetti più cari come la famiglia e quanto sia importante l'amicizia – ha aggiunto il tecnico -. Abbiamo un gruppo di giocatori che non posso elogiare abbastanza. Non potrei essere più orgoglioso di loro che si sono presi così cura l'uno dell'altro. Sono stati straordinari. Parlavano nello spogliatoio per decidere di non fare nulla prima di sapere che Christian era cosciente e fuori pericolo.

276 CONDIVISIONI
Dalle lacrime a Wembley, Danimarca in semifinale per Eriksen: "Sa che giochiamo per lui"
Dalle lacrime a Wembley, Danimarca in semifinale per Eriksen: "Sa che giochiamo per lui"
Le lacrime di Barella dopo il malore di Eriksen, distrutto dalla paura: "Non riuscivo a guardare"
Le lacrime di Barella dopo il malore di Eriksen, distrutto dalla paura: "Non riuscivo a guardare"
Inghilterra-Danimarca non è scontata, l'ultima volta a Wembley decise un gol di Eriksen
Inghilterra-Danimarca non è scontata, l'ultima volta a Wembley decise un gol di Eriksen
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni