Milan-Juventus, in programma questa sera alle 20.45 si sta già giocando. Non in campo, ma con i test anti coronavirus perché più delle giocate di Cristiano Ronaldo o Calhanoglu chi sta in queste ore mettendo in difficoltà Andrea Pirlo e Stefano Pioli è il Covid. Nelle ultime 48 ore si sono susseguite diverse positività ai tamponi effettuati sui gruppi squadra e in entrambe le società si sono registrati importanti contagiati che sono immediatamente finiti in isolamento senza passare dal via.

Nomi importanti in casa Juventus, come quelli di Alex Sandro e Cuadrado due esterni cardine del gioco bianconero e che sarebbero potuti essere pedine fondamentali negli schemi di un Andrea Pirlo che ha nel colombiano e nel brasiliano le duttili armi da inserire sia in difesa che in mediana all'occorrenza. Un forfeit che è arrivato in modo ufficiale già nella giornata di ieri e che ha visto i due giocatori non potersi mettere a disposizione della Juventus.

Le assenze obbligate di Cuadrado e Alex Sandro si aggiungono ad altri giocatori che non saranno a disposizione della Juventus  – che in mattinata è comunque partita alla volta di Milano scongiurando la possibilità di uno stop da parte dell'Asl di Torino. Tra questi, spicca ovviamente Alvaro Morata tra i più attivi e prolifici bianconeri che non sarà a San Siro. Per Pirlo, una formazione quasi obbligata con Fabrotta (o Demiral) e Danilo sulle fasce, Dybala al fianco di Cristiano Ronaldo, spazio a Rabiot in mezzo al campo: "Undici giocatori li troveremo", ha detto l'ex azzurro. E così sarà.

In casa Milan però non va certamente meglio, anzi. Stefano Pioli ha una rosa ridotta ai minimi termini e le ultime positività di Krunic e Rebic sembrano dare scacco matto al Milan. La notizia del contagio dei due giocatori a poche ore dal match ha messo spalle al muro il Diavolo che a centrocampo si ritrova con delle falle incolmabili. Bennacer, Saelemaekers, Tonali, Krunic. Tutti assenti di mediana. Ibrahimovic e Rebic out in avanti. Gabbia non c'è per dare una mano alla difesa. Un disastro, sulla carta e in una vigilia in cui i rossoneri si ritrovano contati e se per Pirlo trovare 11 giocatori validi sarà un'impresa, per Pioli diverrà quasi impossibile.

Il Milan darà spazio obbligato dal primo minuto sia a Castillejo che a Brahim Diaz, con l'alternativa dal primo minuto di Hauge mentre in avanti affiderà il tutto per tutto a Leao, che sta attraversando un periodo di forma personale importante. Ma per Pioli i guai sono proprio in mediana mentre l'unica nota positiva è il rientro di Theo dopo la squalifica.

Probabili formazioni

Milan (4-2-3-1): Donnarunna; Dalot, Kjaer, Romagnoli, Theo Hernandez; Calabria, Kessié; Castillejo, Calhanoglu, Hauge; Leao. All: Pioli
Assenti – Krunic, Rebic, Bennacer, Saelemaekers, Tonali, Ibrahimovic e Gabbia

Juventus (4-4-2): Szczesny; Demiral, Bonucci, De Ligt, Danilo; Chiesa, Bentancur, Rabiot, Ramsey; Dybala, Ronaldo. All: Pirlo
Assenti –