Petr Cech potrebbe tornare in campo all'età di 38 anni e smettere in panni del pensionato. L'ex portiere del Chelsea e dell'Arsenal, che ora è il consulente tecnico del club di Stamford Bridge, è stato incluso nella lista per la Premier League come ‘portiere d'emergenza' a causa del Covid-19. Questa è la dichiarazione del club Blues: “Petr Cech è stato incluso nella rosa come copertura del portiere di emergenza. Questo è un passo precauzionale a causa delle condizioni senza precedenti attualmente causate dalla crisi del Covid-19. Assume una posizione come giocatore senza contratto."

Nei giorni scorsi Frank Lampard aveva rivelato che l'ex numero uno, che con il Chelsea ha vinto tutto, aveva ripreso ad allenarsi con i portieri della sua rosa: "Con la ripresa, e in un momento fragile, avere Petr che si allena con i portieri e portare quell'esperienza è una grande cosa. Si allena e si tiene in forma, il che è salutare per lui e per i portieri".

Cech aveva annuncia il suo ritiro dal calcio giocato il 29 giugno 2019, dopo aver disputato l'ultima partita della sua carriera contro il Chelsea: il portiere ceco ha chiuso la sua avventura calcistica difendendo i pali dell'Arsenal e dopo aver perso la finale di Europa League per 4-1 a Baku. Secondo le statistiche, Petr è il calciatore con più presenze con la Nazionale ceca (124) e il portiere con il maggior numero di partite senza subire gol in Premier League (200).

Dopo aver abbandonato il calcio giocato Cech si era dedicato ad altre sue passioni, ovvero l'hockey su ghiaccio e la musica: il ceco si era fatto notare per essere diventato il portiere dei Guildford Phoenix, squadra di NIHL 2 (la seconda divisione dell'hockey inglese), ma oggi potrebbe indossare di nuovo i guantoni e il caschetto che lo hanno fatto diventare famoso. Nelle prossime settimane vedremo se Lampard avrà davvero bisogno di lui.