Il Benevento non riesce a capitalizzare fino alla fine il vantaggio che si era riuscito a costruire attraverso i gol di Viola e Lapadula e grazie al VAR che annulla una rete ai granata. Ma il secondo tempo della squadra di Nicola è a dir poco gagliardo: Zaza è l'uomo del match, sigla una doppietta personale per un pareggio che ha il sapore di una ripartenza importante, scuotendo un ambiente che rialza la testa. Meritando ai punti molto di più di un semplice 2-2 al 90′

Il Torino di Nicola gioca un primo tempo gagliardo, di cuore e grinta ma subisce la maggior organizzazione di Inzaghi. Non basta attaccare, sfiorare il gol, metterci l'anima. Serve segnare e il Benevento in 45 minuti lo fa per ben due volte. La prima con Glik, l'ex di turno che butta la palla oltre Sirigu ma il VAR annulla per un tocco precedente di mano del difensore di Inzaghi. Poco male, perché i granata spingono, le ‘streghe' puniscono: arriva la rete del vantaggio al 32′ con Viola che dagli undici metri fredda il portiere del Torino. Rigore forse generoso, con Sirigu che frana su Lapadula (già andato al tiro, altissimo) e che induce Giacomelli a fischiare la massima punizione.

Con il primo tempo che si conclude senza ulteriori emozioni in campo, Nicola prova a dare la carica ai suoi per la ripresa: solo un tiro nello specchio della porta difesa da Montipò è troppo poco per sperare di di invertire il trend e dare una spinta in chiave classifica. Izzo non al meglio, resta negli spogliatoi e la gara riprende nel modo migliore: spettacolo e gol.

In pochi istanti prima è il Benevento a raddoppiare, al 49′ con Lapadula che punisce ancora Sirigu, poi la reazione del Torino – e la rabbia di Nicola – non si fanno attendere molto con Zaza che trasforma l'assist di Sinigo nel 2-1 che tiene in piedi un match tutt'altro che chiuso. Anche Belotti si scuote e prova la via personale del gol che permetterebbe ai granata di riprendersi il pareggio, esaltando Montipò, che salva tutto.

A metterci lo zampino sulla rimonta granata è però ancora una volta il VAR: Zaza la mette a rete ma la moviola richiama Giacomelli e annulla il 2-2 a causa di una segnalazione che inficia il tutto per fallo di mano di Belotti nel corso dell'azione. Resta la rabbia e la beffa e la voglia di Nicola di avere ad ogni costo il match. E siccome non c'è due senza tre, ecco il terzo gol annullato (questa volta senza VAR) con segnalazione di offside per Belotti direttamente dal guardalinee. Ma il cuore Toro c'è e si vede al 90′: Zaza ancora trova la via della rete. E questa volta VAR e arbitri devono solamente indicare il centro del campo per il 2-2 finale.