La Lega Serie A ha annunciato i provvedimenti emessi dal Giudice Sportivo dopo la 22ª giornata di campionato. In seguito ai fatti di Juventus-Fiorentina, e alle vibranti proteste dei dirigenti viola, sono state comminate tre multe al club toscano per un totale di 55mila euro: 25mila (con diffida) a Giancarlo Antognoni, 20mila (con diffida) a Daniele Pradè e 10mila (con diffida) a Joe Barone.

Le motivazioni del Giudice Sportivo

Ecco quali sono nel dettaglio le motivazioni indicate a corredo dei provvedimenti emessi nei confronti della dirigenza viola, punita per espressioni e atteggiamenti irriguardosi nei confronti dell'arbitro.

  • Ammenda di 25 mila euro e diffida a Giancarlo Antognoni "per avere, al termine della gara, negli spogliatoi, urlato all'Arbitro, un epiteto gravemente offensivo, che non poteva essere percepito nell'esatto contenuto dal medesimo solo perché stava rientrando nello spogliatoio di competenza; alla richiesta di un Assistente di moderare i toni rivolgeva a quest'ultimo un'espressione irriguardosa; infrazioni rilevate dal medesimo Assistente".
  • Ammenda di 20 mila euro e diffida a Daniele Pradé "per avere, al termine della gara, negli spogliatoi, con atteggiamento minaccioso e aggressivo, urlato al Direttore di gara un'espressione irriguardosa; alla richiesta dell'Arbitro di allontanarsi reiterava tale atteggiamento rivolgendogli un'espressione gravemente irrispettosa".
  • Ammenda di 10 mila euro e diffida a Joe Barone "per avere, al termine della gara, negli spogliatoi, proferito a voce alta, con gli Ufficiali di gara già dentro gli spogliatoi, frasi gravemente offensive; infrazione rilevata dai collaboratori della Procura federale".

Si chiude così, con le decisioni disciplinari, il week-end di polemiche scandito da quanto accaduto nel corso di Juventus-Fiorentina e dopo la partita, caratterizzata anche dalle parole durissime del presidente, Rocco Commisso, nei confronti del direttore di gara, Pasqua, e della classe arbitrale.