Non si placano i focolai Covid all'interno del mondo del calcio. Dopo l'ultimo allarme che è arrivato direttamente dalla Nazionale maggiore di Mancini con la positività di Leonardo Bonucci, tocca all'Empoli confermare lo stato di allerta all'interno del proprio club visto che il contagio si sta espandendo tra i giocatori coinvolgendo dopo la prima squadra, anche i ragazzi della Primavera.

In un nuovo comunicato, la società toscana ha infatti evidenziato come il Covid sia ancora persistente all'interno del club, grazie alla variante, l'ultima forma virulenta che fa ricadere nella positività anche chi in precedenza era stato contagiato, visto che tra i "sedici componenti, tra calciatori e staff, del gruppo squadra della formazione Primavera" che "sono risultati positivi al Covid-19" ci sarebbero anche "5 soggetti già risultati in precedenza positivi al COVID 19, dato che porta a sospettare un contagio da variante, come ipotizzato dall’Azienda USL Toscana Centro"

Un campanello d'allarme importante, che non ha abbassare protocolli e controlli sanitari visto che tutti sono stati posti in isolamento nel proprio domicilio e sono state sospese per esplicita richiesta dell'Ats della Toscana tutte le attività del gruppo squadra. Un comunicato emesso il 1° aprile e che ricalca in gran parte quanto già documentato dall'Empoli nelle giornate precedenti, quando il problema aveva riguardato la prima squadra a tal punto da richiedere e ottenere il rinvio delle squadre di campionato.

Nella giornata di ieri, infatti, l'Empoli aveva comunicato ufficialmente come la sospensione delle attività sportive fosse stata protratta a tutto il 7 aprile, sempre su indicazione dell'Azienda Asl Toscana Centro: "Empoli FC è stata pertanto costretta a chiedere alla Lega B il rinvio delle gare Cremonese-Empoli (in programma venerdì 2 aprile alle ore 18.00) e Empoli-Chievo Verona (programmata per le ore 15.00 di lunedì 5 aprile)" conclude il comunicato.