101 CONDIVISIONI
4 Giugno 2022
11:11

Dietro il ritiro di Tevez c’è un grande dolore: “Ero morto dentro, ho passato un brutto periodo”

L’apache Tevez ha raccontato il dramma personale che lo ha spinto a prendere la decisione ufficiale: il ritiro dal calcio giocato. Fermo da un anno, l’argentino rivelato: “Mio padre era il mio tifoso numero uno, la sua morte per me è stata devastante”.
A cura di Maurizio De Santis
101 CONDIVISIONI
Carlitos Tevez ha comunicato ufficialmente il ritiro dal calcio giocato dopo essere rimasto un anno fermo. La sua decisione è motivata da un grande dolore personale.
Carlitos Tevez ha comunicato ufficialmente il ritiro dal calcio giocato dopo essere rimasto un anno fermo. La sua decisione è motivata da un grande dolore personale.

Carlitos Tevez ha giocato la sua ultima partita il 31 maggio di un anno fa. Da allora, svincolatosi dal Boca Juniors, ha ricevuto offerte dall'America per continuare a giocare ma ha detto sempre no. E quando gli chiedono se abbia intenzione di calzare di nuovo le scarpette e indossare i panni dell'apache dà una risposta molto netta: "Adesso sono in pensione". A 38 anni, dopo aver vinto in Premier League, in Serie A e in Champions, considera finita la carriera di giocatore ma non ha intenzione di abbandonare il mondo del calcio. Continuerà a starci dentro, è passione e ragione di vita. Ma in un'altra veste: da allenatore.

Questione di fuoco sacro che s'è spento e di una sofferenza intima molto dolorosa. Dietro la scelta dell'attaccante di ritirarsi c'è una vicenda umana struggente. Ne parla con Alejandro Fantino di America e spiega qual è il tormento interiore che ancora lo assale perché certe cose non puoi dimenticarle, faranno parte di te sempre. Suo padre, don Secondo, è morto a 58 anni a febbraio 2021, era "il suo tifoso numero uno". Senza di lui giocare al calcio non è stata più la stessa cosa. Quel lutto gli ha lasciato un vuoto incolmabile e, più ancora, gli ha prosciugato l'anima. Che senso ha continuare senza di lui? Perché andare avanti e trascinarsi per qualche anno quando ormai sai che è finita e niente sarà come prima? Carlitos in cuor suo sapeva già la risposta. E ha fatto la cosa giusta per sé.

Carlitos Tevez con la fascia di capitano del Boca Juniors dedicata al padre morto un anno fa.
Carlitos Tevez con la fascia di capitano del Boca Juniors dedicata al padre morto un anno fa.

"Mio padre non ha mai smesso di lavorare – dice Tevez con gli occhi lucidi -. Faceva il muratore, si alzava ogni mattina alle 6 e tornava a casa alle 7 di sera. Mi è sempre stato vicino, mi diceva di allenarmi sodo, di sacrificarmi, di non fare tardi. E quando non riuscivo ad alzarmi perché mi ero ritirato a notte fonda dopo essere andato a ballare mi tirava giù dal letto".

Tevez accanto al padre, don Secondo. L’attaccante argentino non giocherà più, nel futuro ha intenzione di fare l’allenatore.
Tevez accanto al padre, don Secondo. L’attaccante argentino non giocherà più, nel futuro ha intenzione di fare l’allenatore.

L'ultimo anno da calciatore è stato il più difficile di tutti. Era come trovarsi in un incubo, di quelli che addosso ti lasciano ansia e tolgono il fiato. Poi un giorno Tevez ha aperto gli occhi. "Mi sono svegliato e ho detto: ora basta, non gioco più. Il giorno del mio ultimo compleanno ho spiegato alla mia famiglia perché mi ero fermato. A tutti dissi: Ho smesso di giocare perché ho perso il mio tifoso numero uno". La sua vita è cambiata radicalmente: quel calciatore che si alzava presto per andare agli allenamenti non c'è più. "Non ho più la forza per farlo – ha aggiunto -. Mangio empanadas e bevo vino… quello che voglio. Ora ho tre o quattro chili in più. Mi alzo un po' tardi. Non riesco a immaginare di tornare ad allenarmi e correre. Ma voglio restare nel calcio da allenatore".

101 CONDIVISIONI
Lapadula e Deulofeu sono due garanzie: Cagliari e Udinese avanti in Coppa Italia
Lapadula e Deulofeu sono due garanzie: Cagliari e Udinese avanti in Coppa Italia
John Elkann vede l'Inter favorita e parla degli scudetti della Juve:
John Elkann vede l'Inter favorita e parla degli scudetti della Juve: "Ne abbiamo vinti 38"
Cambiano data e calendario dei Mondiali di calcio in Qatar: la decisione della FIFA è imminente
Cambiano data e calendario dei Mondiali di calcio in Qatar: la decisione della FIFA è imminente
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni