130 CONDIVISIONI
22 Ottobre 2021
23:50

Cristiano Ronaldo risponde a Bonucci e Chiellini: “Metto il collettivo al primo posto”

Cristiano Ronaldo ha risposto alle critiche che gli sono piovute addosso in questi giorni da parte dei suoi ex compagni della Juventus nel corso di un’intervista a Geoff Shreeves di Sky Sports: “Tutti dovrebbero conoscere il proprio ruolo. Conosco il mio ruolo nella squadra, nel club… Il mio ruolo è fare gol, aiutarla con la mia esperienza e conoscenza a capire il gioco”.
A cura di Vito Lamorte
130 CONDIVISIONI

Si è parlato tanto di Cristiano Ronaldo nelle ultime ore, non solo per la rete decisiva contro l'Atalanta. Il fuoriclasse portoghese del Manchester United ha indossato il mantello da eroe e sul cross di Shaw è volato in cielo per salvare la traballante panchina di Ole Gunnar Solskjaer. Ma per CR7 non ci sono solo parole positive. Il cinque volte Pallone d'Oro è finito nelle interviste di due ex compagni di squadre che fino a qualche tempo fa lo difendevano in pubblica piazza mentre oggi si sono sbottonati un po' di più sui rapporti di Ronaldo all'interno dello spogliatoio della Juventus: il numero 7 dei Red Devils ha ricevuto dure critiche da parte di Leonardo Bonucci ("Ora giochiamo da squadra; prima servivamo Cristiano") e da Giorgio Chiellini ("Se Cristiano fosse andato via prima sarebbe stato meglio"), due simboli della squadra bianconera nell'ultima decade.

Solitamente Ronaldo non è il tipo da infilarsi in polemiche o dibattiti, quantomeno non lo fa celermente. Questa volta non ha voluto attendere ed è arrivata la risposta a Geoff Shreeves di Sky Sports: "Non parlo solo delle mie cose individuali, metto al primo posto il collettivo. Vincere come squadra è più facile vincere le cose individuali, e penso ancora che sia possibile. Tutti dovrebbero conoscere il proprio ruolo. Conosco il mio ruolo nella squadra, nel club… Il mio ruolo è fare gol, aiutare la squadra con la mia esperienza e conoscenza a capire il gioco. Se tutti la pensano così, sacrificandosi per la squadra, penso che saremo una squadra migliore. Abbiamo dei tifosi fantastici dietro di noi, uno stadio fantastico, una squadra fantastica, quindi dobbiamo andare avanti così".

Una risposta con una linea diretta per i messaggi arrivati da Torino negli scorsi giorni ma senza spingere troppo nei particolari: "Non ho paura di quello che dicono le persone. Non è un mio problema se c'è qualcuno che non vuole vedere quello che faccio per le squadre. Ho vinto tutto, non ho paura di chi parla male di me. Dormo bene tutte le notti, vado a letto con la coscienza a posto. Vado avanti così perché continuerò a chiudere le bocche (delle persone, ndr) e vincere trofei. Le critiche sono parte del nostro lavoro, non mi spaventano anzi, le vedo come una cosa positiva. Se c'è qualcuno preoccupato per il mio rendimento è perché sanno quale è il mio valore".

Sul momento del Manchester United CR7 ha affermato: "Siamo in un momento di cambiamento per il Manchester (United), con gli arrivi di Varane e Sancho. L'adattamento richiederà tempo, anche il sistema di gioco che utilizziamo, ma penso che passo dopo passo dobbiamo metterci in mente che tutto è possibile".

Ronaldo è diventato il capocannoniere di tutti i tempi con le nazionali superando il record di 109 gol di Ali Daei, ora è a quota 115 reti, e a chi gli chiede se abbia mai pensato di lasciare il Portogallo risponde in maniera seccata: "Ma perché? Non credo che sia ancora il mio momento. Non è quello che vogliono le persone, non è quello che voglio io. Succederà quando non mi sentirò di non essere in grado di correre, dribblare, tirare o se sono a corto di energia… Ma ho ancora tutte quelle cose, quindi voglio continuare perché sono ancora motivato”.

Infine Cristiano Ronaldo parla della motivazione che lo ha portato a rimettersi in gioco con la maglia dei Red Devils: "È la parola che mi permette di andare avanti, per rendere felici le persone e la mia famiglia, i tifosi e me stesso. Voglio alzare ancora il livello. Voglio andare avanti. Mi piace giocare a calcio. Mi sento bene e voglio rendere felici le persone".

130 CONDIVISIONI
Cosa c'è dietro il divorzio tra Cristiano Ronaldo e la Juventus: "Non si è sentito troppo amato"
Cosa c'è dietro il divorzio tra Cristiano Ronaldo e la Juventus: "Non si è sentito troppo amato"
Per l'Italia, per i Mondiali, per Mancini: Bonucci e Chiellini stringeranno i denti con la Svizzera
Per l'Italia, per i Mondiali, per Mancini: Bonucci e Chiellini stringeranno i denti con la Svizzera
L'esonero di Solskjær è colpa di Cristiano Ronaldo: "Il suo arrivo ha rovinato tutto"
L'esonero di Solskjær è colpa di Cristiano Ronaldo: "Il suo arrivo ha rovinato tutto"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni