245 CONDIVISIONI
Pogba positivo al doping, le ultime news

Colpo di scena Pogba, è positivo a un’altra sostanza non al testosterone: cosa può cambiare

Paul Pogba non è positivo al testosterone ma a un’altra sostanza: il Dhea. Questo l’esito delle controanalisi al centrocampista della Juventus. Questo può essere un punto a favore per la difesa del giocatore che potrebbero tentare di ottenere uno sconto della squalifica proprio a fronte di questo dettaglio.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Sport Fanpage.it
A cura di Fabrizio Rinelli
245 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Pogba positivo al doping, le ultime news

La speranza è l'ultima a morire e Paul Pogba sa benissimo che dovrà fare di tutto se non vorrà vedere praticamente conclusa in anticipo la sua carriera dopo la positività al testosterone riscontrata il 20 agosto scorso dopo Udinese-Juventus. Un colpo durissimo per il centrocampista francese ora escluso da ogni attività di squadra con uno stipendio drasticamente ridotto rispetto agli 8 milioni di euro netti previsti in origine nel suo contratto. Il giocatore ha usufruito del diritto di sottoporsi alle controanalisi che hanno confermato l'esito, ma non del tutto.

La positività a una sostanza considerata dopante è stata nuovamente riscontrata. Ma il colpo di scena arriva dalla stessa sostanza isolata: non è il testosterone, ma Dhea ovvero il deidroepiandrosterone, il cosiddetto "ormone della giovinezza". Si tratta di un androgeno più potente e moderno del testosterone che l’Agenzia Mondiale Antidoping ha proibito da una decina di anni. Un dettaglio non di poco conto perché potrebbe consentire alla difesa del francese di avere maggiori elementi per chiedere un forte sconto sulla possibile squalifica da scontare.

Pogba è stato trovato positivo a una sostanza vietata dopo l'analisi delle urine che risalgono al 20 agosto scorso.
Pogba è stato trovato positivo a una sostanza vietata dopo l'analisi delle urine che risalgono al 20 agosto scorso.

Testosterone e Dhea producono gli stessi metaboliti ma le controanalisi hanno permesso di distinguere questa differenza. In pratica dunque cambia poco e per questo motivo il referto riporta il testosterone e non il Dhea. Ma secondo quanto rivelato dal Corriere della Sera però, la differenza sta nel fatto che il testosterone è un prodotto di retroguardia, ormai quasi del tutto assente negli integratori contaminati mentre il Dhea è invece un contaminatore classico di decine di prodotti.

Si usa prevalentemente contro l’invecchiamento e per il miglioramento della forza muscolare, con indicazione o meno in etichetta. La difesa di Pogba potrebbe dunque far passare la tesi dell’integratore contaminato davanti alla Procura Antidoping con un supporto molto più forte. Sarà però fondamentale rendere nota con precisione la tempistica di assunzione di questa sostanza che può essere datata. Il giocatore dovrà inoltre dichiarare chiaramente quando e quali furono le quantità assunto per sperare di ricevere un maxi sconto della squalifica.

245 CONDIVISIONI
Pogba riceve una lettera dalla Juventus: c'è scritto cosa gli accadrà, è solo il primo passo
Pogba riceve una lettera dalla Juventus: c'è scritto cosa gli accadrà, è solo il primo passo
La Juventus pensa alle prossime mosse dopo il caso Pogba: si cerca un accordo conciliatorio
La Juventus pensa alle prossime mosse dopo il caso Pogba: si cerca un accordo conciliatorio
Juve in attesa di un segnale da Pogba dopo la conferma della positività: "Umanamente dispiaciuti"
Juve in attesa di un segnale da Pogba dopo la conferma della positività: "Umanamente dispiaciuti"
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views