20 Luglio 2020
19:36

Chi poteva sperare nel Pallone d’Oro 2020: Lewandowski e gli altri ‘perdenti’

Nel 2020 non verrà assegnato il Pallone d’Oro, lo ha deciso France Football che dà questo premio al miglior giocatore della stagione dal 1956. Una beffa autentica per l’attaccante del Bayern Monaco Robert Lewandowski, che sarebbe stato uno dei candidati più forti. Si rammaricano tanto per la mancata assegnazione Cristiano Ronaldo e Leo Messi, ma anche Mbappé e Neymar.
A cura di Alessio Morra

Nel 2020 il Pallone d'Oro non sarà vinto da nessun calciatore. La notizia è stata ufficializzata lunedì 20 luglio da ‘France Football' che ha fatto sapere che: "Viste le circostanze eccezionali, abbiamo deciso per disposizioni eccezionali. Per la prima volta nella sua storia, iniziata nel 1956, il Pallone d'Oro non verrà assegnato nel 2020". Ed è stato spiegato perché è stata presa questa decisione. Il Covid ha reso anomala e inedita la stagione e non essendo possibile dare un giudizio equo sulla stagione dei calciatori si è deciso di preservare e proteggere la credibilità del Pallone d'Oro. Tutto legittimo, ma senza dubbio ci sono tanti grandi giocatori che hanno appreso con dispiacere questa notizia, perché per tanti big c'è una chance in modo per vincere il Pallone d'Oro.

Lewandowski: 34 gol in Bundesliga e due trofei

In questa strana annata non ci sarebbe stato un grande favorito per il trofeo. Ma certamente quello con maggiori chance, in questo momento, sarebbe stato Robert Lewandowski che ha realizzato oltre 50 gol stagionali, 34 in Bundesliga, è attualmente in testa alla classifica della Scarpa d'Oro e con il Bayern ha vinto due trofei e punta alla Champions League (i bavaresi sono praticamente ai quarti). Un'annata come questa non è detto che la rivivrà e tra i grandi di oggi è lui quello che ha subito la beffa maggiore.

Messi & Cristiano Ronaldo avrebbero cercato l'ennesimo Pallone d'Oro

Ovviamente entrambi i due fenomeni del calcio mondiale avevano tra le rispettive mire il Pallone d'Oro. Leo Messi con il Barcellona quest'anno non ha vinto nemmeno un trofeo, ma è stato il capocannoniere della Liga, per la 7a volta, record assoluto, ed è ancora in corsa con la sua squadra in Champions League e tutto sarebbe potuto cambiare con quella competizione. Cristiano Ronaldo lotta per il titolo di capocannoniere in Serie A (per la Scarpa d'Oro) e soprattutto con la Juventus è primo in classifica in Serie A. Il portoghese sarebbe stato messo molto bene e manca ancora la Champions, con la Juve che vuole essere protagonista nella Final Eight.

Mbappé, Neymar e le stelle del Real

E sullo sfondo, nemmeno tanto lontani, nell'elenco dei calciatori con rimpianti anche Mbappé e Neymar che, nonostante la sospensione della Ligue 1, hanno la possibilità di piazzare il ‘solito' poker di titoli domestici (vinte Ligue 1 e Supercoppa di Francia, il Paris è finalista in Coppa di Francia e di Lega, si disputeranno entrambe a fine luglio) e soprattutto sono ancora in corsa con il Paris Saint Germain in Champions League. La squadra francese per la prima volta dopo quattro anni è ai quarti di Champions, e sfiderà l'Atalanta. Insomma anche loro avrebbero senz'altro potuto farsi valere nella scalata al Pallone d'Oro. E una chance l'avrebbero avuta anche Sergio Ramos e Karim Benzema, decisivi nel trionfo del Real Madrid nella Liga 2020. Il capitano è stato determinante anche in fase offensiva, mentre il francese si è messo sulle spalle il reparto offensivo e nelle partite importanti e in tutti i momenti che contavano parecchio nella stagione del Real.

Benzema a 34 anni vive la miglior stagione di sempre: vuole vincere tutto, pure il Pallone d'Oro
Benzema a 34 anni vive la miglior stagione di sempre: vuole vincere tutto, pure il Pallone d'Oro
L'azione più innocua del mondo diventa un gol assurdo: contrasto a metà campo, la palla impazzisce
L'azione più innocua del mondo diventa un gol assurdo: contrasto a metà campo, la palla impazzisce
Neymar paga 160 mila euro per il pallone della finale di Coppa d'Africa. Ma il fine è onorevole
Neymar paga 160 mila euro per il pallone della finale di Coppa d'Africa. Ma il fine è onorevole
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni