Matias Viña non sarà un giocatore de Milan. Il giovane uruguaiano era stato scelto per sostituire Ricardo Rodriguez ma la trattativa tra il club rossonero e il Nacional è saltata nonostante la resistenza del giocatore, che non si era allenato nella giornata di ieri spingeva per per volare in Italia. L’operazione non si farà e il difensore classe 1997 non approderà in Serie A.

Il presidente del Montevideo è stato irremovibile e non ha scendendo dalla richiesta iniziale che era superiore all'offerta rossonera di un prestito oneroso a circa 1,5 milioni di euro con diritto di riscatto fissato a 6,5. Il giocatore uruguaiano si trasferirà in Brasile, al Palmeiras: il club carioca aveva presentato un’offerta di 5,5 milioni di euro per il titolo definitivo per il 60 percento del cartellino del giocatore.

Laxalt nuova idea per la fascia sinistra

Ricardo Rodriguez dovrebbe firmare per il Psv Eindhoven nelle prossime ore e i dirigenti rossoneri si stanno orientando verso la soluzione che porta a Diego Laxalt, un ex milanista che sta trovando poco spazio al Torino.  Il giocatore si è trasferito in prestito con diritto di riscatto alla squadra di Walter Mazzarri e potrebbe far ritorno in rossonero prima della fine naturale dell’accordo. Curiosità: negli ultimi mesi Viña ha soffiato la maglia da titolare nella nazionale uruguaiana proprio a Laxalt.

L'altro profilo valutato dal club rossonero è quello di Antonee Robinson: il Milan ha messo gli occhi sul ventiduenne difensore della nazionale statunitense, per il quale è già in contatto con il Wigan e Maldini e Boban stanno trattando per cercare di abbassare il prezzo da 10/12 milioni di euro richiesto dalla società attualmente impegnata nella Championship inglese. Il mercato rossonero è nn è chiuso ma la sessione invernale è agli sgoccioli.