Ronald Koeman ha iniziato a fare sul serio. Deciso e diretto, dopo aver praticamente messo alla porta Luis Suarez, comunicando al giocatore di non rientrare più nei piani della società e della squadra, secondo quanto riferito dalla Spagna da RAC1 e Mundo Deportivo, il tecnico avrebbe scaricato anche Arturo Vidal. In un solo giorno, quindi, ben due pezzi da novanta fatti fuori dall'ex ct olandese che ha ufficialmente iniziato la sua pulizia all'interno della squadra.

Nel pomeriggio As ha inoltre rilanciato evidenziando come, oltre a Suarez e Vidal, Koeman abbia comunicato anche a Ivan Rakitic e Samuel Umtiti, la sua intenzione di non voler puntare su di loro. Per un t0tale di ben quattro big appartenenti alla rosa dei catalani messi alla porta dall'ex ct olandese pronto a rivoluzionare completamente la squadra catalana. Per Vidal, nello specifico, si prospetta anche un ritorno in Italia, alla Juventus, dove ad accoglierlo ci sarebbe Andrea Pirlo con cui ha condiviso brillantemente il centrocampo bianconero.

Rivoluzione Koeman: dopo Suarez scaricati anche Vidal, Rakitic e Umtiti

Dopo aver comunicato a Luis Suarez di non rientrare nei suoi piani tecnico tattici, Ronald Koeman ha pensato bene di informare anche Arturo Vidal circa le sue intenzioni di non voler puntare sul cileno. Secondo quanto riferiscono in Spagna, per Vidal si prospetta un possibile ritorno alla Juventus mentre per Suarez, riferisce Sport, ci sono gradimenti da parte di InterLazio Milan, ma l'unica proposta concreta è arrivata dall'Ajax. Ma non è tutto perchè Koeman, secondo quanto fanno trapelare dalla Spagna, avrebbe telefonato anche a Rakitic e Umtiti informandoli di non rientrare nei suoi piani.

Decisione maturata in queste ore dato che, secondo As, l'allenatore non vorrebbe avere in ritiro giocatori che non rientrano nelle sue idee di gioco. Nel futuro del croato potrebbe esserci il Siviglia, destinazione gradita al calciatore anche se al momento Monchi frena. Umtiti invece ha praticamente giocato pochissimo quest'anno e le intenzioni della società di cederlo, visto anche l'alto ingaggio, erano chiare già prima dell'arrivo di Koeman che ha iniziato una vera rivoluzione.