11 Agosto 2022
17:10

Antonio Conte non ha tempo ed energie da perdere: in quattro finiscono fuori al Tottenham

In casa Tottenham Antonio Conte vuole solo giocatori sul pezzo e per questo ha deciso di far allenare quattro giocatori a parte. Una decisione legata al mercato in uscita.
A cura di Marco Beltrami

Antonio Conte ha iniziato benissimo la stagione con il 4-1 rifilato al Southampton nella giornata di apertura della Premier. Il suo Tottenham ora sarà atteso da un test molto importante in casa del Chelsea, in quello che è il primo scontro diretto. Nessuna distrazione in casa Spurs, con tutto il gruppo che dovrà restare concentratissimo, senza lasciarsi destabilizzare dalle indiscrezioni di mercato, sia quelle relative a possibili altri acquisti che quelle sulle possibili cessioni.

L'allenatore italiano è maniacale nell'attenzione ai dettagli e per questo, d'accordo con il suo club, ha deciso di compattare ulteriormente il gruppo separando 4 giocatori dal resto della rosa. Conte vuole solo gente che sia sul pezzo, perché è consapevole del valore delle avversarie in primis City e Liverpool, e del fatto che ogni passo falso anche nella fase iniziale dell'annata potrebbe risultare decisivo più avanti. I calciatori che non potranno dunque lavorare con il gruppo su cui fa affidamento il salentino erano stati già scorporati durante la tournée estiva.

Si tratta di quattro giocatori che in passato hanno avuto anche un ruolo importante nel Tottenham ovvero, come riportato dall'Evening Standard, Tanguy Ndombele, Giovani Lo Celso, Sergio Reguilon e Harry Winks. La società londinese sta cercando in tutti i modi di snellire la rosa, proprio attraverso la loro cessione, ma al momento non ci sono novità degne di nota ed è difficile pensare a fumate bianche sul mercato prima del gong finale della sessione di trattative in programma il 1° settembre.

Ndombele, accostato anche al Napoli, era stato prima di Richarlison il giocatore più costoso della storia degli Spurs che per lui avevano investito 54 milioni di sterline. Dopo il ritorno dal prestito al Lione, ora è difficile trovare una soluzione condivisa: il Villarreal ha mostrato interesse per il francese, ma bisognerà trovare un accordo su cifre e modalità del trasferimento. Stesso discorso per Lo Celso, dopo la smentita della Fiorentina al suo possibile arrivo: anche su di lui c'è il Sottomarino giallo che per ora però non ha formulato offerte. Gli Spurs spingono per una cessione a titolo definitivo, anche per fare cassa.

Stesso discorso anche per Winks, calciatore cresciuto nell'Academy del Tottenham, e Reguilon. Anche per loro i contatti finora non hanno portato a nulla. Per questo Conte e il club hanno deciso di metterli nelle condizioni di lavorare a parte rispetto a chi è già certo di vestire la maglia bianca fino al termine della stagione. L'ex di Juventus e Inter, non ha tempo ed energie da perdere con chi potrebbe lasciare Londra.

La tempesta su Allegri ritarda il rinnovo di Conte col Tottenham:
La tempesta su Allegri ritarda il rinnovo di Conte col Tottenham: "Ha aperto al ritorno alla Juve"
Il Tottenham fa i conti con la furia di Conte: urla nello spogliatoio, poi scatta la punizione
Il Tottenham fa i conti con la furia di Conte: urla nello spogliatoio, poi scatta la punizione
Conte toccato dalla morte della Regina Elisabetta:
Conte toccato dalla morte della Regina Elisabetta: "Uno shock, sono andato a Buckingham Palace"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni