74 CONDIVISIONI

Allegri scopre le carte sull’allontanamento di Bonucci dalla Juve: “Siamo stati chiari da febbraio”

La verità di Allegri sul caso Bonucci: “Sia io che la società siamo stati chiari da febbraio: avrebbe dovuto decidere se continuare da un’altra parte o smettere”
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Sport Fanpage.it
A cura di Ada Cotugno
74 CONDIVISIONI
Immagine

Massimiliano Allegri svela tutta la sua verità sul caso Bonucci: il difensore della Juventus è stato messo fuori rosa all'inizio della preparazione estiva, ma a pochi giorni dalla chiusura del calciomercato non ha ancora trovato una nuova squadra. A nulla sono valse le richieste di reintegro, tutte negate dal club bianconero che lo ha praticamente messo alla porta.

L'Union Berlino aspetta il suo via libera per procedere nella trattativa, così come la Lazio che è da tempo interessata al giocatore. Ma fino ad ora Bonucci non si è arreso al fatto di essere fuori dal progetto. Allegri ne ha parlato in una lunga intervista concessa a DAZN, nel corso della quale analizza la situazione svelando alcuni retroscena sul caso più spinoso dell'estate dei bianconeri.

Immagine

Alla Juve non c'è più spazio per il difensore, ma l'esclusione non è arrivata proprio come un fulmine a ciel sereno: "Mi dispiace che sia finita così. Con Leo siamo stati chiari da febbraio scorso, ci ho parlato diverse volte. Sia io che la società, dicendo che l'anno prossimo sarebbe stato un anno in cui avrebbe dovuto decidere se continuare da un'altra parte o smettere". I bianconeri avevano deciso di giocare a carte scoperte, chiarendo la loro posizione.

Secondo Allegri è il momento di voltare pagina e pensare al futuro, soprattutto perché Bonucci non rientra più nel progetto della sua squadra: "Quando arrivi a 36 anni, hai fatto la storia della Juve, 500 partite e sei stato un giocatore in campo anche zoppo… Ha dato tanto alla Juve, la Juve ha dato tanto a lui. Deve prendere una decisione importante per lui, guardando il futuro e non a un anno. E' giovane. Ciò che dico l'ho detto a lui in tempi non sospetti: è normale che un campione come lui arriva a fine carriera, se non è quest'anno sarà l'anno prossimo, e la paura di smettere c'è, è normale. Resta nella storia della Juve, 500 partite le fanno in pochi".

74 CONDIVISIONI
Rabiot e McKennie infortunati, Allegri ridisegna il centrocampo per Napoli-Juve: le possibili scelte
Rabiot e McKennie infortunati, Allegri ridisegna il centrocampo per Napoli-Juve: le possibili scelte
Allegri multato di 10mila euro dopo Juve-Udinese: cosa è successo nel tunnel con l'arbitro
Allegri multato di 10mila euro dopo Juve-Udinese: cosa è successo nel tunnel con l'arbitro
Bonucci non farà ricorso contro la Juve: il difensore rinuncia alla richiesta di risarcimento danni
Bonucci non farà ricorso contro la Juve: il difensore rinuncia alla richiesta di risarcimento danni
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views