Roger Federer cerca il settimo successo a Wimbledon. Sulla sua strada i soliti avversari Nadal e Djokovic. In campo femminile lotta tra Maria Sharapova e Serena Williams.

Prende il via domani il torneo di Wimbledon. Questa è un’edizione, perché sui prati londinesi si giocherà anche il torneo Olimpico. Djokovic e Nadal sembrano i favoriti del torneo maschile, ma attenzione a Federer, che vuole eguagliare il record di Sampras. I britannici puntano su Andy Murray. In campo femminile Sharapova e Serena Williams si giocano il titolo. L’Italia ha quindici tennisti iscritti. Almeno una tra Errani, Pennetta e Schiavone dovrebbe raggiungere la seconda settimana.

15 italiani al via – Record di italiani a Wimbledon. In gara ce ne sono addirittura quindici. Le ragazze offrono maggiori garanzie. Anche se Sara Errani, la nostra numero uno, finalista al Roland Garros, non ama l’erba. Schiavone e Pennetta, che hanno un discreto tabellone, sperano di raggiungere la seconda settimana, come la specialista Roberta Vinci. Tra gli uomini le maggiori chance le ha Andreas Seppi. Il nostro numero uno, ieri sconfitto a Eastbourne in finale da Roddick, deve almeno qualificarsi per il terzo turno, dove potrebbe sfidare Isner. Fognini al primo turno trova il francese Llodra, se vince avrà Federer.

Ancora Djokovic – Nadal? – Nole Djokovic e Rafa Nadal hanno giocato le ultime quattro finali Slam. Nole, che ha vinto a Wimbledon lo scorso anno, domani aprirà il centrale sfidando Juan Carlos Ferrero. Sulla sua strada il serbo potrebbe trovare Roger Federer, che cerca il settimo successo. Nella parte bassa del tabellone c’è naturalmente Nadal, che non ha un cammino agevole. Potrebbe incrociare le racchette con Haas, Tomic o Tsonga e con Murray. Una curiosità. Per il terzo anno consecutivo potrebbero sfidarsi John Isner e Nicolas Mahut, che nel 2010 furono in campo per undici ore nel loro infinito match di primo turno, che durò tre giorni! Da osservare con attenzione il torneo di David Nalbandian, che la scorsa settimana è stata squalificato nella finale del torneo del Queen’s, per aver dato un calcio ad un giudice di linea, e di Andy Roddick, tre volte finalista, l’ultima nel 2009, che ieri è tornato a vincere dopo sedici mesi.

Masha o Serena? – Il tennis ha ritrovato la sua regina. Maria Sharapova, che a Parigi ha vinto l’unico Major che le mancava, è tornata la numero uno. Sull’erba di Wimbledon Masha ha vinto il suo primo torneo dello Slam nel 2004. La Dea bendata è stata benevole con la russa, che dovrebbe arrivare in finale. Con l’eccezione della bulgara Pironkova e dell’australiana Sammy Stosur non ci sono ostacoli tra Masha e la terza finale londinese. Piena di protagonista la parte bassa del tabellone. Serena Williams, testa di serie numero 5, vincitrice quattro volte, è nello stesso quarto di Petra Kvitova, campionessa in carica. La ceca e l’americana nell’eventuale semifinale potrebbe trovare Vika Azarenka.