14 Settembre 2016
19:23

Paralimpiadi Rio 2016, Assunta Legnante vince l’oro nel lancio del peso

Ancora un successo per l’azzurra, sempre oro da Londra 2012 ad oggi, assieme a due Mondiali ed un Europeo. “Sono strafelice, come capitano volevo dare il buon esempio”.
A cura di Giuseppe Cozzolino

Ancora un successo per l'Italia alle Paralimpiadi di Rio de Janeiro: Assunta Legnante ha infatti vinto l'oro paralimpico nel lancio del peso categoria F11-F12 (non vedenti ed ipovedenti). L'atleta napoletana di Frattamaggiore, già oro paralimpico a Londra 2012 con il risultato di 16,74 metri, ha bissato la medaglia d'oro vincendo anche a Rio 2016, con la distanza di 15,74 metri. Nonostante una stagione difficile a causa di problemi alla schiena, è arrivato così l'ennesimo successo per la campionessa azzurra, che del resto nel lancio del peso ha sempre raccolto soddisfazioni enormi: oro a Londra 2012, oro ai Mondiali di Lione 2013, oro agli Europei di Swansea 2014 (vinto assieme a quello nel lancio del disco) ed oro ai Mondiali di Doha 2015.

Insomma, nel lancio del peso Assunta Legnante vince ininterrottamente dal 2012: alle Paralimpiadi di Rio ha superato di misura l'uzbeka Safiya Burkhanova (15,05 metri) e la messicana Rebeca Valenzuela Alvarez (13,05 metri), finite sul podio assieme a lei. “Sono strafelice perché da capitano dovevo dare il buon esempio: per il resto, quanto me la sono sudata!", le sue prime parole dopo il successo iridato a RaiSport, "adesso finalmente posso piangere dal dolore. Il problema non è ancora risolto anche se ringrazio tutto lo staff medico che mi ha seguito fin qui. Questa medaglia è un po' di tutti. Non mi aspettavo una misura del genere, è stata subito gara vera", ha proseguito la Legnante, "già nel primo getto ho messo le distanze giuste per l'oro. Ora sono anche mamma e questa medaglia è soprattutto per i miei due figli nati a febbraio. Non ho vissuto molto bene questa Paralimpiade a causa del dolore, sono in piedi ma soffro. Non vedo l’ora di tornare a casa e rimettermi pienamente in sesto perché quei 18 metri non sono irraggiungibili, visto che ne ho fatti 16 con una schiena così". Poi l'atleta azzurra ha concluso: "A volte non mi rendo neanche conto di essere diventata cieca. Dopo poco ho perso mia madre e dopo pochi mesi c’è stata Londra. In quel periodo non ho realizzato. In questi quattro anni l'ho fatto, mi sono resa conto che questa realtà mi appartiene e la so gestire bene. Questo anche grazie a tutti quelli che mi stanno vicino. Grazie a Nadia Cecchini che è molto di più di un’allenatrice e una guida".

Impresa di Thomas Ceccon, che vince l'oro nei 50 farfalla agli Europei di nuoto di Roma
Impresa di Thomas Ceccon, che vince l'oro nei 50 farfalla agli Europei di nuoto di Roma
La rabbia di Chalmers in un gesto, il campione si sfoga:
La rabbia di Chalmers in un gesto, il campione si sfoga: "Ho vissuto l'inferno, non riesco a gioire"
Grande Italia anche nel canottaggio! Il quattro di coppia pesi leggeri maschile è oro agli Europei
Grande Italia anche nel canottaggio! Il quattro di coppia pesi leggeri maschile è oro agli Europei
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni