37.552 CONDIVISIONI
Olimpiadi Tokyo 2020
2 Agosto 2021
12:38

Jacobs piange sul gradino più alto del podio alle Olimpiadi: “È la cosa più bella che c’è”

Il giorno dopo aver stupito il mondo vincendo i 100 metri alle Olimpiadi di Tokyo, Marcell Jacobs sale sul gradino più alto del podio per ricevere la medaglia d’oro dalle mani del leggendario Valeriy Borzov. Poi parte l’inno d’Italia e partono anche le lacrime del 26enne di Desenzano: “È la cosa più bella che ci possa essere in questo momento”.
A cura di Paolo Fiorenza
37.552 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Olimpiadi Tokyo 2020

Oggi è ancora più bello di ieri, oggi c'è la certezza che è tutto vero, che non è un sogno: Marcell Jacobs sale sul gradino più alto del podio nello stadio di Tokyo per ricevere la medaglia d'oro che premia il vincitore dei 100 metri piani alle Olimpiadi. Nessun pizzicotto, nessun risveglio improvviso: l'uomo razzo è italiano, anzi – per usare le sue parole – "italiano in ogni cellula del suo corpo".

La leggenda Valeriy Borzov, due volte campione olimpico, consegna la medaglia a Jacobs, poi parte l'inno italiano e questo ragazzone di 26 anni si commuove, pensando alle sofferenze che hanno segnato la sua infanzia, senza un padre pronto ad abbracciarlo e confortarlo nei momenti duri. Piange Marcell ed in quel momento è tutti noi che lo guardiamo orgogliosi.

"Sono la persona più emozionata del mondo, è stato fantastico – dice poi ai microfoni Rai –ho guardato la medaglia, tutto il percorso che ho fatto nella mia carriera, i sacrifici che ho dovuto fare e che mi hanno aiutato ad essere qui oggi sul gradino più alto del podio ad un Olimpiade. Pesa tantissimo, è la cosa più bella che ci possa essere in questo momento".

Jacobs vuole condividere il momento di una vita con tante persone: "C'è tutto in questa medaglia, ogni parte di questa medaglia appartiene a quelli che credono in me, tanti pezzi vanno a loro. Adesso il mio allenatore dovrà essere bravo a capire come gestire i prossimi impegni e vedremo quello che succederà, intanto mi godo questa vittoria. È stato veramente fantastico il percorso che abbiamo fatto, ho lavorato in modo eccezionale con la mia mental coach, sono arrivato a questa finale concentrato e avevo tutto da guadagnare, mi sono divertito". Sapessi noi, Marcell… e si gode ancora.

37.552 CONDIVISIONI
466 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni