3.777 CONDIVISIONI
Olimpiadi Tokyo 2020
1 Agosto 2021
16:03

Jacobs aspetta la notte per crederci: “Guarderò il soffitto e capirò cosa ho fatto, è un sogno”

Nessun italiano nella storia aveva mai corso prima una finale olimpica dei 100 metri: Marcell Jacobs l’ha addirittura vinta ed è medaglia d’oro alle Olimpiadi di Tokyo. Oggi il 26enne azzurro è l’uomo più veloce del pianeta, un razzo umano che tuttavia fa fatica a realizzare di essere già leggenda: “Ci metterò una settimana a metabolizzare quello che ho fatto, questa vittoria è il mio sogno da quando sono bambino”.
A cura di Paolo Fiorenza
3.777 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Olimpiadi Tokyo 2020

Marcell Jacobs è medaglia d'oro alle Olimpiadi di Tokyo nei 100 metri piani e se per noi è difficile anche solo scriverlo, per il 26enne nato ad El Paso ma "italiano in ogni cellula del suo corpo" l'incredulità è il primo comprensibile sentimento. Il velocista azzurro è esploso a livelli siderali nell'occasione più importante della sua vita, quella che da solo consegna una carriera alla leggenda sportiva.

L'abbraccio dopo l'arrivo con Tamberi – a sua volta medaglia d'oro nel salto in alto in una giornata che nessuno in Italia mai dimenticherà – è la fotografia di un battito unico dello sport italiano. Non è un caso che tra le prime dichiarazioni di Jacobs ci sia proprio il riferimento al saltatore marchigiano, che aveva esultato poco prima di lui: "Gimbo ha saltato e mi ha emozionato, mi ha gasato tantissimo e mi sono detto: perchè non posso vincere anche io?".

Una mentalità pazzesca, che si è vista fin dall'uscita dai blocchi dove l'azzurro è stato tra i migliori: poi nel lanciato ha sprigionato frequenza ed ampiezza delle sue falcate, mettendo luce tra sé e gli avversari. "Ho corso al mille per cento, mi sentivo meglio che in semifinale, sono partito a razzo e ho corso bene – ha spiegato Jacobs nel dopo gara – Ci metterò una settimana a metabolizzare quello che ho fatto, questa vittoria è il mio sogno da quando sono bambino. Già arrivare in finale era eccezionale".

Jacobs e Bolt nella stessa frase, anche qua sembra tutto così lontano dalle nostre umane vicende ed invece è assolutamente vero: "Io come Bolt, non sembra reale ma lo è. Forse stanotte guardando il soffitto senza riuscire a prendere sonno capirò cosa ho fatto…". Noi intanto ci rivediamo la gara. Ed ancora, ancora, ancora…

3.777 CONDIVISIONI
466 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni