2.370 CONDIVISIONI
Olimpiadi Tokyo 2020
5 Agosto 2021
6:49

Grande Italia, record e finale nella staffetta 4X100. Jacobs e Tortu cancellano gli Usa

La staffetta azzurra riscrive la storia nella 4×100 maschile di atletica: segna il nuovo record italiano nella specialità e si qualifica per la finale che si correrà venerdì 6 agosto, alle ore 15.50 italiane. Lorenzo Patta (sua la partenza ai blocchi), Marcell Jacobs (campione olimpico), Eseosa Desalu e Filippo Tortu che ha corso nell’ultima frazione spiccano in corsia cinque e si preparano all’impresa.
A cura di Maurizio De Santis
2.370 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Olimpiadi Tokyo 2020

Qualificazione in finale e nuovo record italiano in 37″95, cancellando il 38″11 che risaliva ai Mondiali di Doha 2019. La staffetta azzurra riscrive la storia nella 4×100 maschile di atletica e regala all'Italia la speranza di un'altra bellissima e straordinaria medaglia. L'Italia lotterà per il podio con Giamaica, Gran Bretagna, Cina, Giappone, Canada, Germania e Ghana. Manca qualcosa? Gli Stati Uniti, il cui tonfo fa rumore: Travyon Bromell, Fred Kerley, Ronnie Baker e Cravon Gillespie non vanno oltre la sesta posizione (38″10) nella batteria di qualificazione e ingoiano il boccone amaro dell'eliminazione. Era successo già nella gara dei 100 metri, la sfida regina per i velocisti, con lo stesso Bromell fuori dalla prova clou e grande delusione perché considerato uno dei favoriti in assoluto per la vittoria nella disciplina.

Lorenzo Patta (sua la partenza ai blocchi), Marcell Jacobs (campione olimpico), Eseosa Desalu e Filippo Tortu che ha corso nell'ultima frazione spiccano in corsia cinque per la prestazione e per l'esultanza che dà appuntamento a domani, alle ore 15.50 italiane, per stare incollati davanti alla tv. Non c'è alcun trucco, non c'è inganno. E non bastano di certo gli aiutini della tecnologia che rendono scarpette e pista alleati preziosi per gli atleti. Tutto vero e merito di allenamenti duri e ossessivi che caratterizzano una stagione felice per lo sport italiano. E poi c'è l'asso nella manica… "correre con Jacobs ti fa sentire più tranquillo", dice Tortu con un filo di fiato.

Tranquillo e pulito nella falcata, resistendo anche al caldo, il quartetto italiano s'è piazzato alle spalle della Cina (37.92) e del Canada (che ha chiuso con lo stesso tempo del team orientale) trascinata dagli strappi nella seconda e ultima frazione da Jacobs e soprattutto Tortu. "Sentivamo di avere nelle gambe il tempo per entrare in finale", dirà subito dopo la gara. La conferma è arrivata dal risultato e, più ancora, dal modo in cui l'italiano è riuscito a duellare con i cinesi forti di Su Bingtian e i canadesi che schieravano un avversario in particolare: lo stesso André De Grasse che nei 100 metri s'era inchinato a Jacobs, restando stupito dalla performance dell'azzurro, mentre nei 200 metri aveva infilato al collo la medaglia d'oro.

2.370 CONDIVISIONI
467 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni