3.053 CONDIVISIONI
Festival di Sanremo 2024

Geolier: “I fischi aiutano a crescere. Razzismo contro i napoletani? Fenomeno superato”

Geolier minimizza quanto accaduto a Sanremo 2024 subito dopo la vittoria durante la serata delle cover. E, in particolare, smentisce di essere stato vittima di razzismo: “Quello è un fenomeno superato”.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Spettacolo Fanpage.it
A cura di Stefania Rocco
3.053 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Festival di Sanremo 2024

Di fronte ai giornalisti seduti al roof dell’Ariston durante la conferenza stampa che ha seguito la finale di Sanremo 2024, Geolier ha minimizzato quanto sta accadendo sui social da qualche giorno. Dopo i fischi ricevuti all’Ariston quando è stata eletto vincitore delle sarete delle cover, contro Geolier si è scatenata una spiacevole campagna social. Centinaia i commenti che hanno preso di mira la provenienza geografica del napoletano Geolier e di chi lo sostiene. Ma è lo stesso Geolier, nel corso della conferenza stampa che ha seguito la finale del Festival, a sminuire le accuse di razzismo. “Se stiamo parlando degli anni Cinquanta sì, ma penso che oggi questa cosa verso Napoli sia passata. Io però sono nato nel 2000, non ti so dire come funzionava negli anni Cinquanta”, è stata la risposta del rapper in conferenza stampa.

Geolier: “I fischi a Sanremo? Fa niente”

Dimostrando un’invidiabile serenità, Geolier ha tentato di disinnescare perfino la polemica generatasi di fronte ai fischi del pubblico dell’Ariston. “Fa niente”, ha dichiarati Geolier ospite di Mara Venier a Domenica In, commentando l’atteggiamento di chi ha abbandonato il teatro durante la sua esibizione, “Questa settimana è stata impegnativa ma molto bella, me la sono goduta fino in fondo. È esperienza che porterò a Napoli, maturità. Quei momenti aiutano a crescere, sono i migliori. I fischi? Fa niente”. A difenderlo la conduttrice che ha invece puntato il dito nei confronti di chi ha manifestato così poca umanità nei confronti di questo giovane artista: “Quelle che hai subito sono provocazioni che non dovrebbero esserci. Ognuno è libero di pensare quello che vuole: può piacere o no, va bene, siamo in un paese democratico. Ma il rispetto dell’artista non bisogna dimenticarlo. Chi si è alzato durante la tua esibizione ed è andato via, non si fa”.

Geolieri: “Il 60% dei voti? Bello il supporto del pubblico”

Disinnescando ancora una volta le polemiche, Geolier si è espresso così a proposito del plebiscitino ottenuto durante la sessione di televoto inserita nella finale del Festival. A votare per il rapper campano è stato il 60% della platea, il numero più alto mai ottenuto da un artista a Sanremo ma che non è bastato a garantirgli la vittoria:  “Il 60% dei voti? È sempre bello ricevere il supporto del pubblico, non ci si abitua mai”. Anche questa mattina in conferenza, sullo stesso argomento, Geolier aveva preferito non alimentare polemiche: “Il festival è una gara a sé, non conta lo streaming, ha delle regole ben specifiche, non funziona in base agli stream. Ma io sono contento di tutto”.

3.053 CONDIVISIONI
756 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni