22 Luglio 2022
11:14

La BBC si scusa per l’intervista estorta a Lady Diana con l’inganno: “Abbiamo deluso il pubblico”

Al termine di un’indagine interna scaturita dalle denunce della famiglia reale e di Earl, fratelli di lady Diana, la BBC si è scusata con la famiglia reale e il pubblico. Ha accertato che la clamorosa intervista del 1993 fu esorta alla principessa con l’inganno.
A cura di Stefania Rocco

La BBC si scusa con la famiglia reale inglese, con la famiglia d’origine di Lady Diana e con il pubblico dopo avere accertato che la clamorosa intervista del 1995 rilasciata dalla principessa a Martin Bashir fu ottenuta con l’inganno. È quanto emerge dall’indagine interna avviata dall’emittente a seguito delle denunce avanzate dai Royal britannici – Harry e William innanzitutto – e da Earl Spencer, fratello di Diana. A distanza di quasi 30 anni da quel momento, e dopo essersi impegnata a versare almeno due risarcimenti, le scuse della BBC chiudono una vicenda profondamente dolorosa.

Il raggiro di Martin Bashir, come ottenne l’intervista a lady Diana

L’indagine interna avviata dalla BBC ha stabilito la veridicità delle accuse contro il giornalista Martin Bashir. L’uomo ottenne quello scoop sensazionale raggirando la principessa e presentandole finti documenti che la convinsero a parlare di fronte alle telecamere. Due gli inganni accertati. Bashir falsificò la ricevuta di un aborto terapeutico cui si sarebbe sottoposta Tiggy Legge-Bourke, ex tata di William e Harry, convincendo Diana che Carlo fosse il padre del bambino concepito dalla donna. La principessa, già convinta che tra il marito e la bambinaia ci fosse una relazione, ottenne quindi la prova che cercava e andò su tutte le furie. Peccato che la prova fosse stata fabbricata ad arte proprio per quello scopo. In secondo luogo, Bashir presentò a Diana la copia di una ricevuta bancaria che dimostrava un pagamento disposto dalla famiglia reale a beneficio di alcuni membri dell’entourage della principessa. Le raccontò che sarebbero stati pagati dalla Royal family per spiarla. Altra invenzione del giornalista, ma Diana, già convinta di essere controllata, credette a quella versione. Bashir utilizzò quegli stessi documenti per convincere Charles Spencer, fratello di Diana, a procurargli un incontro con la principessa propedeutico all’intervista.

Le scuse dell’emittente

Accertato l’inganno del giornalista, l’emittente si è scusata. Il direttore generale Tim Davie ha rivolto pubblicamente le sue scuse alla famiglia reale britannica, a William e Harry e alla famiglia Spencer “per il modo in cui la principessa Diana è stata ingannata e il conseguente impatto sulle vite degli interessati”. Davie si è inoltre impegnato a non trasmettere mai più quella puntata del programma Panorama che mandò in onda l’intervista, né a cederne i diritti: “Se avessimo svolto correttamente il nostro lavoro, la principessa Diana avrebbe saputo la verità vivendo la sua vita. Abbiamo deluso lei, la famiglia reale e il nostro pubblico”. Ha aggiunto, infine, che “potrebbero esserci occasioni in futuro in cui sarà giustificato che la BBC utilizzi brevi estratti dell'intervista”.

I risarcimenti disposti dalla BBC per l’intervista a Diana

La rete si è impegnata a devolvere 1,75 milioni di euro – l’intero ricavato prodotto dall’intervista – a un ente benefico che saranno la famiglia reale e i figli di Diana a scegliere. Risarcirà, infine, la ex tata Tiggy Legge-Bourke, diffamata con la notizia dell’aborto e della presunta relazione con Carlo.

Tiara Spencer, chi erediterà la corona indossata da Lady Diana il giorno del matrimonio
Tiara Spencer, chi erediterà la corona indossata da Lady Diana il giorno del matrimonio
2.067 di Videonews
L'omaggio di William e Harry per mamma Lady Diana che oggi avrebbe compiuto 61 anni
L'omaggio di William e Harry per mamma Lady Diana che oggi avrebbe compiuto 61 anni
L’incontro tra Lady Diana e Nelson Mandela, Harry: “La gioia sul viso di mia madre”
L’incontro tra Lady Diana e Nelson Mandela, Harry: “La gioia sul viso di mia madre”
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni